chimica-online.it

Osso Sacro

Che cos'è l'Osso Sacro?

L'Osso Sacro (Fig. 1) costituisce, assieme al Coccige, la parte terminale della colonna vertebrale; più precisamente, quest'osso impari ed asimmetrico, si colloca tra la zona lombare della colonna ed il Coccige.

Lateralmente, esso si articola anche alle due Ossa Iliache formando le articolazioni Sacro - Iliache. Queste ultime sono abbastanza mobili soprattutto nelle donne durante il parto; ma tuttavia la mobilità diminuisce l'aumentare con l'età.

Da dove deriva il termine osso sacro?

Originariamente il nome greco corrispondeva a Hierón Ostéon. Il primo termine può avere due accezioni: sacro ma anche grande, largo. Quando è stato descritto per la prima volta da Ippocrate, poteva quindi significare "osso grande, largo" e pertanto potrebbe essere stato erroneamente tradotto. In passato comunque, quando si offrivano animali in sacrificio agli Dei, generalmente si utilizzava la parte che corrispondeva a quella dell'Osso Sacro, perché considerata la migliore e dunque avrebbe facilitato il favore degli stessi.

Ossa del bacino

(Fig. 1) Posizione dell'Osso Sacro all'interno della zona pelvica.

L'Osso Sacro fornisce le sedi di fissaggio a legamenti e muscoli, regge il peso della parte superiore del corpo durante il movimento ed infine protegge il midollo spinale come le altre vertebre della colonna e gli organi pelvici.

Per quanto concerne la sua ossificazione, questa è molto particolare perché l'Osso Sacro è composto da cinque vertebre che si fondono tra loro. Le suddette vertebre si saldano completamente nell'arco di tempo che va dalla pubertà ai trent'anni di età del soggetto. Solo le prime due vertebre superiori si fondono fra il settimo e l'ottavo anno di età come avviene per lo Sfenoide e l'Occipite.

A livello di differenze di genere: l'Osso Sacro è più corto e largo nelle donne per permettere una eventuale gestazione e quindi, un ambiente pelvico maggiormente accogliente per la crescita dell'embrione.

Anatomia dell'Osso Sacro

Come precedentemente accennato, il Sacro è un osso impari ed asimmetrico dalla forma di triangolo rovesciato che risiede nella parte inferiore della colonna vertebrale tra il tratto lombare ed il Coccige. In pratica, esso concorre alla formazione della porzione centro posteriore del bacino o pelvi.

Quest'osso è sostanzialmente costituito dalle cinque vertebre sacrali che si fondono tra loro creando una concavità posteriore che si porta oltre i margini delle creste iliache. I corpi vertebrali diminuiscono in dimensione man mano che si procede verso il basso.

L'Osso Sacro (Fig. 2) presenta una base, un apice e quattro superfici:

  • Base del Sacro: corrisponde alla articolazione con la quinta vertebra lombare (L5). È la porzione più ampia e piatta dell'osso. In modo particolare, la base del Sacro presenta due elementi importanti che sono il Promontorio Sacrale e le Ali del Sacro. Il primo rappresenta il margine della prima vertebra sacrale che sporge verso l'interno e si articola con la L5 creando un angolo da 90 a 130 gradi definito angolo sacro vertebrale. Le Ali sacrali invece, solo le due proiezioni laterali della base che presentano le superfici articolari per le ossa Iliache.
  • Apice del Sacro: corrisponde alla articolazione con il Coccige. È la porzione proiettata in basso la quale presenta una superficie piatta ed ovale deputata alla articolazione con il Coccige, ultimo tratto della colonna vertebrale.
  • Superfici Laterali: queste sono le superfici del Sacro che si articolano con le ossa iliache costituendo quindi le articolazioni Sacro - Iliache. Su di esse si presentano gli attacchi dei legamenti sacrotuberosi e sacrospinosi; una superficie ruvida superiore a rotaia vuota per l'articolazione con l'Osso Iliaco ed una tuberosità inferiore alla quale si agganciano i muscoli ed i legamenti sacro iliaci posteriori.
  • Superficie Pelvica: si tratta della superficie anteriore concava dell'osso che guarda verso l'interno del corpo. Su di essa sono visibili quattro linee o creste ossee trasverse che rappresentano il punto di saldatura tra le cinque vertebre sacrali. Ai lati di questi punti di saldatura, sono visibili dei fori (otto in totale; quattro da un lato e quattro dall'altro) chiamati fori sacrali anteriori attraverso i quali passano i nervi sacrali in uscita e le arterie sacrali in entrata.
  • Superficie Dorsale: si tratta della superficie posteriore convessa che si proietta verso l'esterno del corpo. Al centro della superficie si presenta la cresta sacrale mediana che deriva dalla fusione dei processi spinosi delle vertebre sacrali e sulla quale sono presenti dei tubercoli di aggancio per il legamento sovraspinoso. Lateralmente alla cresta appena menzionata si creano le creste sacrali intermedie derivanti dalla fusione dei processi articolari delle vertebre sacrali sulle quali si presenta il punto di aggancio dei legamenti sacro iliaci posteriori. Nella loro parte inferiore, le creste intermedie presentano i corni sacrali che si connettono a quelli del Coccige. All'interno dell'osso, ove si presenta la cresta mediana vi è il canale sacrale attraverso il quale passa il midollo spinale e che termina generalmente a livello della quarta vertebra sacrale con lo iato sacrale.

Superfici dell'Osso Sacro

(Fig. 2) Rappresentazione delle varie superfici dell'Osso Sacro. In alto a dx: superficie pelvica; In alto a sx: superficie dorsale; In basso a dx: superficie laterale; In basso a sx: base dell'osso.

Riassumendo

  • L'Osso Sacro (Fig. 1) costituisce, assieme al Coccige, la parte terminale della colonna vertebrale.
  • Originariamente il nome greco corrispondeva a Hierón Ostéon. Il primo termine può avere due accezioni: sacro ma anche grande, largo.
  • L'Osso Sacro fornisce le sedi di fissaggio a legamenti e muscoli, regge il peso della parte superiore del corpo durante il movimento ed infine protegge il midollo spinale e gli organi pelvici.
  • L'Osso Sacro è composto da cinque vertebre che si fondono tra loro. Le suddette vertebre si saldano completamente nell'arco di tempo che va dalla pubertà ai trent'anni di età.
  • il Sacro è un osso impari ed asimmetrico dalla forma di triangolo rovesciato e concorre alla formazione della porzione centro posteriore del bacino o pelvi.
  • La Base del Sacro corrisponde alla articolazione con la quinta vertebra lombare (L5). Essa presenta due elementi importanti che sono il Promontorio Sacrale e le Ali del Sacro.
  • L' Apice del Sacro è la porzione che presenta una superficie piatta ed ovale deputata alla articolazione con il Coccige, ultimo tratto della colonna vertebrale.
  • Le Superfici Laterali si articolano con le ossa iliache costituendo quindi le articolazioni Sacro - Iliache.
  • La Superficie Pelvica è la superficie anteriore concava dell'osso che guarda verso l'interno del corpo. Questa presenta le creste ossee trasverse e i fori sacrali anteriori.
  • La Superficie Dorsale è la superficie posteriore convessa che si proietta verso l'esterno del corpo. Presenta la cresta sacrale mediana e lateralmente a questa le creste sacrali intermedie. All'interno dell'osso è presente il canale sacrale che termina con lo iato sacrale, attraverso cui passa il midollo spianale.

Link correlati:

Vuoi sapere quante sono le vertebre sacrali?

Quali sono le ossa del collo?

Quante sono le ossa della gabbia toracica?

Che cos'è il sistema scheletrico?

Quali sono le ossa del braccio?

Caratteristiche del metatarso del piede

Studia con noi