chimica-online.it

Risoluzione di un circuito

Come si risolve un circuito elettrico?

Risolvere un circuito vuol dire trovare il valore ed il verso di tutte le correnti e di tutte le tensioni ai capi dei resistori che sono presenti all’interno del circuito.

Solitamente è necessario applicare la prima legge di Ohm, le formule per il calcolo delle resistenze equivalenti in serie ed in parallelo ed i due principi di Kirchhoff.

Per risolvere un circuito complesso in cui sono ad esempio presenti più generatori di tensioni è necessario impostare un sistema di n equazioni in n incognite dove le n incognite sono le correnti presenti nel circuito stesso.

Leggi e formule da utilizzare per risolvere un circuito elettrico

La prima legge di Ohm mette in relazione tra di loro la resistenza elettrica R, la differenza di potenziale ΔV ai capi del conduttore e la corrente i che lo attraversa attraverso la seguente formula:

ΔV = R ∙ i

La legge dei nodi o primo principio di Kirchhoff stabilisce che la somma delle intensità di correnti entranti in un nodo di un circuito è uguale alla somma delle correnti uscenti da quello stesso nodo:

Ʃ ientranti = Ʃ iuscenti

La legge delle maglie o secondo principio di Kirchhoff stabilisce che la somma algebrica delle tensioni all’interno di una maglia è uguale a 0.

Convenzione dei segni per correnti e tensioni

Come si attribuiscono i versi delle tensioni e delle correnti se il problema che ci è stato fornito non li riporta?

Innanzitutto bisogna individuare quali maglie sono presenti nel circuito e si stabilisce un verso di percorrenza positivo arbitrario all’interno della maglia, solitamente il verso orario coincide con quello positivo.

Si attribuiscono così i segni alle correnti presenti nelle maglie secondo la convenzione che stabilisce che nei rami in cui sono presenti i generatori di tensione, il verso convenzionale della corrente è quello che esce dal polo positivo e va verso il polo negativo.

Tale verso è solo convenzionale in quanto le vere cariche che si muovono sono gli elettroni che invece si spostano dal polo  negativo a quello positivo.

Per ogni resistenza il verso della ddp da segnare è sempre contrario al verso della corrente che la attraversa, mentre per i generatori andrà sempre dal polo – a quello + cioè segue il verso della corrente.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Esercizi online e gratuiti sulla prima legge di Ohm

Esercizio svolto sulle leggi di Kirchhoff

Esercizio svolto e commentato su circuito RLC

Esercizio svolto sul secondo principio di Kirchhoff

Esercizio su resistori in serie

Che cos'è un trasformatore ideale?

Esercizio sul calcolo del valore e del verso di tutte le correnti e di tutte le tensioni ai capi dei resistori che sono presenti all’interno del circuito

Risoluzione di un circuito elettrico e calcolo della potenza dissipata su ciascuna resistenza

Studia con noi