chimica-online.it

Idrossido di sodio

Proprietà e caratteristiche dell'idrossido di sodio

L'idrossido di sodio (noto anche con il nome improprio di idrato sodico) è un composto inorganico con formula chimica NaOH.

Si presenta in masse cristalline incolori deliquescenti.

E' fortemente caustico e per questa sua proprietà prende il nome di "soda caustica".

Assorbe avidamente l'anidride carbonica trasformandosi in carbonato di sodio:

2 NaOH + CO2 → Na2CO3 + H2O

La dissoluzione in acqua dell'idrossido di sodio è un processo fortemente esotermico; ciò è molto pericoloso perchè si possono formare pericolosi schizzi. E' buona norma aggiungere l'NaOH all'acqua (e non viceversa) immergendo il contenitore che contiene l'acqua in un bagno di acqua e ghiaccio.

Il processo di dissoluzione è il seguente:

NaOH(s) → Na+(aq) + OH-(aq)

La soluzione risultante risulta incolore ed inodore e dà una sensazione saponosa sulla pelle dovuta alla reazione con i grassi in essa presenti (processo di saponificazione).

Struttura dell'idrossido di sodio

Ioni equivalenti: Na+ ; OH-

Tra lo ione Na+ e lo ione OH- è presente un legame ionico.

Nel gruppo ossidrilico OH-, tra l'atomo di ossigeno e l'atomo di idrogeno è presente un legame covalente.

idrossido di sodio

Reazioni tipiche dell'idrossido di sodio

L'idrossido di sodio reagisce con gli acidi formando i corrispondenti sali ed acqua (reazione di neutralizzazione).

NaOH reagisce per esempio con HCl nel seguente modo:

NaOH + HCl → NaCl + H2O

La reazione è esotermica e quindi libera calore.

Tali reazioni possono essere utilizzate nelle titolazioni.

Bisogna ricordare però che l'idrossido di sodio non può essere utilizzato come standar primario in quanto tende facilmente a reagire con la CO2 presente nell'aria e quindi deve essere preventivamente standardizzato.

L'idrossido di sodio reagisce facilmente con gli ossidi acidi.

Tali reazioni sono sfruttate per abbattere i gas nocivi (come H2S e SO2) prodotti durante la combustione del carbone. Esempi di queste reazioni sono:

2 NaOH + CO2 → Na2CO3 + H2O

2 NaOH + SO2 → Na2SO3 + H2O

Il vetro reagisce lentamente con le soluzioni di idrossido di sodio anche a temperatura ambiente formando silicati solubili. Pertanto qualsiasi oggetto in vetro viene danneggiato in seguito ad un prolungato contatto con una soluzione di NaOH.

Una tipica reazione dell'idrossido di sodio appartenente alla chimica organica è la reazione di saponificazione.

Preparazione dell'idrossido di sodio

L'idrossido di sodio si può preparare trattando il carbonato di sodio con la calce spenta:

Na2CO3 + Ca(OH)2 → CaCO3 + 2 NaOH

Tale processo è noto con il nome di "caustificazione del carbonato di sodio". ed è sfruttabile industrialmente a causa della totale insolubilità del CaCO3 in acqua.

Industrialmente l'idrossido di sodio si prepara mediante elettrolisi delle soluzioni di cloruro di sodio.

Impieghi dell'idrossido di sodio

L'idrossido di sodio è una materia di grandissima importanza impiegata in numerosissime industrie tra le quali particolarmente importanti sono: quella dei saponi, dei vetri, della seta, dell'alluminio, ecc.

L'idrossido di sodio trova il massimo impiego nell'industria dei tessili artificiali (in particolare il rayon), seguita dall'industria dei saponi, della raffinazione della benzina, del petrolio e degli olii combustibili.

L'industria tessile usa la soda caustica per il candeggio, la mercerizzazione del cotone, la tintura ed il decapaggio dei tessuti.

L'idrossido di sodio ha vasta applicazione come reagente nella preparazione di molti prodotti organici (fenolo, coloranti, ecc.).

Serve nella preparazione dell'allumina, nell'industria della carta, della gomma, dei vetri, degli esplosivi, delle vernici e degli smalti.

Ti potrebbe interessare: acidi per decapaggio.

Studia con noi