chimica-online.it

Celestina

Che cos'è la celestina?

La celestina è un minerale con formula cristallochimica SrSO4 (solfato di stronzio). Deve il suo nome al colore perlopiù bianco azzurrognolo dei suoi cristalli.

Cristallizza nel sistema rombico in cristalli di abito prismatico e lucentezza vitrea; ha durezza nella scala di Mohs pari a 3-3,5 e densità di 3,96 g/cm3.

La celestina si trova spesso compatta in forma di masse lenticolari che costituiscono giacimenti sfruttabili; talora accompagna la barite nelle ganghe dei filoni metalliferi.

celestina

Celestina.

E' insolubile in acqua mentre lo è leggermente in acidi concentrati bollenti. Grazie alla presenza dello stronzio, colora la fiamma del becco Bunsen di un rosso intenso (per info: saggi alla fiamma).

Caratteri cristallografici della celestina

Formula cristallochimica: SrSO4

Sistema cristallino: rombico

Classe: bipiramidale rombica

Abito: prismatico tabulare

Costanti cristallografiche: a0 = 8,38 ; b0 = 5,37 ; c0 = 6,85

Birifrangenza: 0,009 positiva

Luoghi di ritrovamento

Associata a gesso la si trova in Inghilterra; in forma di intercalazioni entro banchi dolomitici in Germania. Altri giacimenti si trovano nell'Arizona, in California e nel Messico.

Per quanto riguarda l'Italia, la celestina - in magnifici gruppi di nitidi cristalli - si trova associata a zolfo, aragonite e calcite nelle solfare della Sicilia e della Romagna.

Pregevoli cristalli isolati di colore azzurro pallido si rinvengono anche nelle cavità dei basalti e delle brecce basaltiche del Vicentino.

Impieghi della celestina

La celestina trova vasto impiego nel campo dell'industria pirotecnica. Trova impiego anche nell'industria farmaceutica per la preparazione di cosmetici depilatori.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Minerale di uranio

Minerale, silicato idrato di rame

Caratteristiche e proprietà della cassiterite

Studia con noi