chimica-online.it

Olocene

Che cos'è l'olocene?

L'Olocene è l'ultimo periodo dell'era quaternaria o neozoica; appartengono quindi a questo periodo le formazioni che sono andate formandosi in tempi geologicamente molto recenti e che si stanno formando tuttora.

Come per la maggior parte dei sedimenti del Cenozoico e quelli del Quaternario antico, i terreni dell'Olocene sono rappresentati da formazioni prevalentemente costiere o continentali.

I sedimenti profondi, infatti, sono tuttora coperti dal mare e non si possono osservare direttamente perché non sono finora intervenuti fenomeni tettonici od orogenetici tali da portarli all'emersione.

Inizio e durata dell'Olocene

Gli avvenimenti che attualmente vengono presi come punto di riferimento nel fissare l'inizio dell'Olocene sono la fine delle grandi espansioni glaciali quaternarie e la scomparsa in Europa dei grandi carnivori (leone, iena, orso delle caverne), dell'ippopotamo, degli elefanti, dei rinoceronti, ecc.

Comunque è facilmente comprensibile come, singolarmente, anche questi due avvenimenti, pure di importanza e portata molto vaste, non si verificarono contemporaneamente nei vari punti della Terra e quindi il limite inferiore dell'Olocene resta definito solo regionalmente. Il limite superiore, naturalmente, manca.

Basandosi su valori medi si può stabilire con molta approssimazione che l'Olocene è rappresentato dagli ultimi 11.000 anni e tenendo presente che la durata dell'intero Neozoico è stimata di poco inferiore a due milioni di anni, si nota come il secondo periodo del Quaternario abbia una durata notevolmente inferiore a quella del primo.

Flora e fauna dell'Olocene

La flora e la fauna dell'Olocene sono quelle attuali.

Link correlati:

Che cos'è il l'oligocene?

Che cos'è il carsismo e come si origina?

Che cos'è e come si forma una nube?

Cosa afferma la teoria dell'espansione globale?

Cosa studia l'oceanografia?

Che cos'è il fronte occluso?

Di cosa si occupa la geologia marina?

Che cos'è il giurassico?

Studia con noi