chimica-online.it

Fronte occluso

Che cos'è il fronte occluso?

In meteorologia con il termine di fronte si intende l'intersezione con il suolo della superficie ideale, detta superficie frontale, di separazione fra due masse d'aria adiacenti e con diverse proprietà fisiche.

I fronti conservano la loro identità durante il moto perché le masse che essi separano, aventi diversa densità, temperatura e vento, non possono mescolarsi interamente.

Infatti, tanto il mescolamento per diffusione quanto il più rapido scambio per turbolenza (causato dai vortici che si formano lungo il fronte per le differenze di densità o vento fra le due masse) hanno solo l'effetto di trasformare le superfici frontali in strati di transizione di spessore finito (anche di decine di kilometri), attraverso i quali la densità, la temperatura e il vento variano gradualmente.

Tale spessore è però trascurabile rispetto alla lunghezza dei fronti (migliaia di kilometri) e all'area delle superfici frontali (milioni di kilometri quadrati).

Alla scala delle carte del tempo perciò le superfici frontali e le loro intersezioni con il suolo (o con altre eventuali superfici) sono rappresentabili come entità geometriche.

Si distinguono diversi tipi di fronti: uno di questi è il fronte occluso.

Che cos'è il fronte occluso?

Il fronte occluso è un fronte complesso, quasi sempre in quota: è determinato dal processo di occlusione di un ciclone frontale extratropicale.

Oltre al fronte occluso al suolo esistono due sottotipi:

  • il fronte occluso caldo;
  • il fronte occluso freddo.

Il fronte occluso caldo si forma quando il fronte freddo trascina al suo seguito aria fredda meno densa di quella spinta dal fronte caldo.

Quando il fronte freddo raggiunge quest'ultimo lo sormonta, cosicché al suolo resta il fronte caldo mentre quello freddo si ritrova in quota, innanzi a quello caldo.

Il fronte occluso freddo si forma quando l'aria fredda, che la segue, è più densa di quella che precede il fronte caldo.

Quando il fronte freddo raggiunge quello caldo lo solleva assieme alle masse che lo precedono, per cui si osservano un fronte freddo al suolo e uno caldo in quota, al seguito del primo.

I continenti e i grandi ostacoli orografici facilitano i processi di occlusione ed è per questo che la maggior parte dei cicloni frontali che dall'Atlantico pervengono in Europa e sul Mediterraneo sono occlusi.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è il fronte freddo?

Che cos'è il fronte caldo?

Come si forma un fulmine?

Quanti sono i continenti al mondo?

Studia con noi