chimica-online.it

Corrente continua

Che cos'è la corrente continua?

L’intensità di corrente elettrica i è una delle 7 grandezze fondamentali del Sistema Internazionale di misura.

Essa rappresenta il rapporto tra la quantità di carica che attraversa la sezione trasversale di un conduttore e l’intervallo di tempo impiegato dalle cariche ad attraversarlo:

i = ΔQ / Δt

L’unità di misura dell’intensità di corrente elettrica è l’ampere che rappresenta il rapporto tra 1 C e 1 s:

1A = 1C / 1s

Nella pratica si usa molto spesso il sottomultiplo milli- dell’ampere (milliampere) che corrisponde a 10-3 A:

1 mA = 10-3 A

Se il passaggio della carica elettrica varia in funzione del tempo e quindi ne conosciamo l’espressione algebrica secondo una funzione, l’intensità di corrente elettrica deve essere calcolata come derivata prima della legge che esprime la carica in funzione del tempo:

i(t) = dQ(t) / dt

Corrente continua e corrente stazionaria

Una corrente continua è una corrente costante nel tempo, cioè una corrente che assume sempre lo stesso valore, come quella che esiste in un circuito in cui è presente una pila.

Una corrente alternata è invece una corrente che varia nel tempo secondo una curva sinusoidale.

Corrente continua e corrente alternata

Una corrente si dice stazionaria se l’intensità di corrente è costante attraverso ogni sezione del conduttore del conduttore. Non è detto che una corrente stazionaria sia anche continua cioè costante nel tempo.

Circuiti in corrente continua

Un circuito in corrente continua funziona in regime stazionario, cioè tutte le tensioni V e le correnti i presenti nel circuito sono costanti nel tempo e si sono esauriti eventuali transitori che hanno portato la corrente o la tensione nei dispositivi elettronici presenti nel circuito al loro valore a regime.

Altra condizione necessaria affinché il circuito operi in corrente continua è che il generatore di tensione eroghi una tensione continua cioè anche essa costante nel tempo.

La convenzione di segno per la corrente sugli utilizzatori, ad esempio le resistenze, è che essa scorre da punti a potenziali maggiori (+) verso punti a potenziale minore (-).

La tensione V che agisce sull’utilizzatore avrà verso positiva che va dal polo a potenziale minore (-) verso quello a potenziale maggiore (+).

Circuito in corrente continua

La convenzione di segno per la corrente sui generatori invece prevede che la corrente scorra dal polo – a quello + e il verso del potenziale è concorde con la corrente.

circuito corrente continua

Ora i e V sono completamente identificati in quanto essi assumono valori costanti nel tempo ed una volta risolto il circuito è possibile determinare il verso della corrente e i segni + e – del potenziale.

Quindi tutte le correnti e le tensioni presenti nel circuito hanno valore costante e segno e verso prestabilito.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Comportamento di diversi circuiti in regime sinusoidale

Spiegazione su come si risolve un circuito elettrico

Esercizio svolto su circuito RLC

Che cos'è un trasformatore ideale?

Esercizio svolto su circuito puramente induttivo

Che cos'è l'effetto pelle?

Esercizio svolto e commentato su circuito induttivo

Studia con noi