chimica-online.it

Eubatteri

Che cosa sono gli Eubatteri?

Vuoi sapere che cosa sono gli Eubatteri?

Vuoi sapere come sono classificati gli Eubatteri?

Se si continua con la lettura dell'articolo. In questa pagina del sito vedremo infatti che cosa sono gli Eubatteri, come è fatta la loro cellula e quali sono i principali gruppi di Eubatteri.

Gli Eubatteri o, più comunemente, Batteri rappresentano uno dei tre domini in cui sono classificabili tutti gli organismi viventi e le specie estinte.

Essi includono organismi unicellulari di tipo procariotico. Gli altri due domini sono quello degli Archea, anch’essi organismi di tipo procariotico, e quello degli Eucarioti.

Albero filogenetico che descrive le relazioni evolutive tra gli esseri viventi. Tutti gli organismi viventi appartengono a uno dei tre domini Bacteria, Archaea e Eucarya. I primi due costituiscono il gruppo dei procarioti e condividono con gli eucarioti l’origine da un progenitore.

Distribuzione degli Eubatteri

Il dominio degli Eubatteri comprende un’ampia varietà di procarioti. I microrganismi procariotici patogeni scoperti fino ad oggi appartengono a questo dominio, ma essi rappresentano un’esigua minoranza in confronto alle migliaia di specie di batteri che vivono in ogni ambiente terrestre, aereo e acqueo, in parte irrilevanti per la salute dell’uomo e degli altri organismi viventi, in parte addirittura benefici, vivendo in simbiosi con essi (si pensi ai batteri della flora intestinale o ai batteri che vivono in simbiosi con le radici delle leguminose dove effettuano la fissazione dell’azoto atmosferico) o perché sfruttati, ad esempio, in campo alimentare, come i batteri che effettuano la fermentazione lattica e sono utili per la produzione di yogurt e formaggi.

Caratteristiche della cellula degli Eubatteri

Gli Eubatteri o Batteri hanno una cellula di tipo procariotico, priva di un nucleo a protezione del materiale genetico e di altri organuli.

Il materiale genetico si trova nel citoplasma ad occupare un’area detta nucleoide ed è organizzato in una o poche molecole di DNA circolari, talvolta lineari.

Nel citoplasma sono, inoltre, presenti i ribosomi (più piccoli di quelli eucariotici), inclusioni con funzioni di riserva energetica o altro e, in alcune specie, i plasmidi, molecole di DNA circolari che recano funzioni accessorie rispetto a quelle, essenziali per la sopravvivenza e per i normali processi biologici, codificati dal cromosoma batterico.

La cellula degli Eubatteri è delimitata da una membrana plasmatica, costituita di un doppio strato di fosfolipidi, al di sopra della quale è presente una parete composta di diversi strati del polimero peptidoglicano.

Alcune specie batteriche possono secernere sulla loro superficie un ulteriore rivestimento, di natura polisaccaridica, noto come capsula o strato mucoso.

Dalle cellule di alcune specie di Eubatteri sporgono strutture filamentose di natura proteica, le fimbrie, con funzione di adesione a superfici di varia natura, e i pili, generalmente più lunghi e coinvolti soprattutto nel processo di coniugazione.

Molti eubatteri che vivono in ambienti acquatici possono muoversi con l’ausilio di particolari appendici cellulari, i flagelli.

Modello di cellula batterica con le principali strutture che la caratterizzano.

Diversità degli Eubatteri

Il dominio degli Eubatteri comprende migliaia di specie, la cui classificazione segue diversi criteri, i principali dei quali riguardano la morfologia e il tipo di colorazione che assumono.

Riguardo alla morfologia, si distinguono i cocchi, di forma sferica o ovoidale, i bacilli, di forma cilindrica, e gli spirilli, di forma spiraliforme.

Sono frequenti anche morfologie più complesse, come quella delle spirochete, dei batteri peduncolati o dei vibrioni.

In risposta alla colorazione di Gram, tra gli Eubatteri si distinguono due grandi gruppi: i batteri Gram negativi e quelli Gram positivi.

Principali gruppi di Eubatteri

La suddivisione principale all’interno del dominio degli Eubatteri è rappresentata dal gruppo dei Proteobatteri.

Essi sono tutti Gram negativi e comprendono gli enterobatteri Escherichia coli e del genere Salmonella, i batteri patogeni dei generi Pseudomonas, Neisseria e Rickettsia e di molti altri, e i batteri del genere Azotobacter, fissatori di azoto.

I batteri Gram positivi costituiscono un’altra importante linea evolutiva. Tra i principali rappresentanti si ricordano le specie sporigene dei generi Bacillus e Clostridium, i batteri produttori di antibiotici del genere Streptomyces e quelli produttori di acido lattico, come Streptococcus e Lactobacillus. Correlati ai Gram positivi si trovano i micoplasmi, privi di parete cellulare.

I Cianobatteri sono un gruppo evolutivamente rilevante all’interno degli Eubatteri.

Sono organismi fototrofi ossigenici, i primi con questo metabolismo ad essere comparsi sulla Terra.

Tra le altre specie fototrofe si ricordano i Solfobatteri verdi e i Batteri verdi non sulfurei.

Gruppi significativi sono, inoltre, Clamydia, che include molti patogeni responsabili di infezioni delle vie respiratorie, e Deinococcus, caratterizzato da organismi dotati di una peculiare parete cellulare e capaci di resistere ad alte dosi di radiazioni.

Interessanti per via della morfologia unica sono i Planctomyces, le cui cellule possiedono una sorta di stelo con cui aderiscono su specifiche superfici, e le Spirochete, batteri Gram negativi a cui appartengono specie patogene responsabili, ad esempio, della sifilide e della malattia di Lyme.

Infine, si ricordano organismi filogeneticamente vicini agli Archea, capaci di vivere a temperature molto alte, come Aquifex e Thermotoga.

Albero filogenetico del dominio degli Eubatteri

Albero filogenetico del dominio degli Eubatteri che mostra le principali linee evolutive.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Virus difettivi: la transduzione

Che cosa sono e quali funzioni svolgono le vitamina?

Che cosa si intende per catena alimentare?

Studia con noi