chimica-online.it

Tetrodo

Che cos'è un tetrodo?

Il tetrodo è un tubo termoelettronico con quattro elettrodi, un catodo, una griglia di comando, una griglia schermo e un anodo, costruito secondo due versioni fondamentali, denominate rispettivamente tetrodo a griglia schermo e tetrodo a fascio, che differiscono sostanzialmente nell'andamento delle caratteristiche anodiche.

Tetrodo a griglia schermo

Fu il primo tubo costruito con più di una griglia per eliminare la tendenza a generare oscillazioni, che presenta il triodo per effetto della reazione tra anodo e griglia dovuta alla capacità tra questi elettrodi.

Una griglia schermo, disposta tra griglia di comando e anodo e polarizzata con tensione continua positiva ma collegata al catodo per le tensioni alternate attraverso un grosso condensatore, rende il tubo capace di amplificare segnali a radiofrequenza senza tendenza a generare oscillazioni e senza richiedere di adoperare sistemi di neutralizzazione, che sono invece necessari con i triodi amplificatori di radiofrequenza.

Tale griglia costituisce uno schermo elettrostatico tra la griglia di comando e l'anodo riducendo la capacità tra questi elettrodi dall'ordine delle decine di picofarad ai decimi o centesimi di picofarad. Per contro le caratteristiche anodiche risultano deformate per effetto di emissione secondaria.

Dalla griglia schermo e dall'anodo, che sono a potenziale positivo rispetto al catodo, vengono emessi elettroni secondari, i quali ricadono su quello dei due elettrodi che ha potenziale più alto; perciò l'anodo, quando ha potenziale minore, cede elettroni secondari alla griglia schermo e la corrente anodica risulta ridotta rispetto a quella che si avrebbe in assenza di emissione secondaria; invece l'anodo, quando ha potenziale maggiore, riceve elettroni secondari dalla griglia schermo e la corrente anodica risulta aumentata.

Tetrodo a fascio

Impiegato esso pure come amplificatore di potenza, è stato ideato per eliminare alcuni inconvenienti e limitazioni presentati dai pentodi amplificatori di potenza.

Il tetrodo a fascio differisce da un normale tetrodo a griglia schermo perché la distanza fra griglia schermo e placca è relativamente grande e perché le due griglie hanno le spire allineate, cioè disposte sugli stessi piani, per costringere gli elettroni a disporsi in fasci larghi e sottili; placche deviatrici laterali impediscono ai fasci di disperdersi sui fianchi.

Tetrodo a fascio.

Questi accorgimenti costruttivi determinano una elevata densità di carica spaziale fra griglia schermo e placca, in conseguenza della quale il potenziale in questa zona presenta un avvallamento che impedisce lo scambio di elettroni secondari fra griglia schermo e placca.

Impiego dei tetrodi a fascio

I tetrodi a fascio sono largamente usati nei circuiti amplificatori a radio- e audiofrequenza, poiché forniscono, con bassa potenza di segnale all'ingresso, uscita di potenza relativamente alta, priva di distorsioni.

Link correlati:

Esercizi svolti e commentati sull'elettromagnetismo

Esercizi svolti e commentati sul campo magnetico

Esercizio sul calcolo della tensione V di due condensatori in parallelo

Calcolo della costante dielettrica nel vuoto a partire dall’espressione della capacità di un condensatore

Esercizio sul calcolo della carica depositata su un condensatore

Studia con noi