chimica-online.it

Monocromatico

Modello atomico a panettone

In fisica e più in particolare in ottica con il termine monocromatico si intende in senso stretto una luce di un solo colore e pertanto caratterizzata da una sola lunghezza d’onda.

Il termine monocromatico può riferirsi anche ad una sorgente che emette una luce appunto monocromatica.

Più in generale il termine monocromatico può riferirsi a una radiazione elettromagnetica (e quindi comprendendo non solo la luce solare ma anche, ad esempio, raggi X, raggi gamma, onde radio, ecc.) avente una ben definita lunghezza d'onda.

In contrapposizione a monocromatico vi è il termine policromatico con il quale si intende una luce o più in generale una radiazione elettromagnetica formata da più componenti monocromatiche.

E' possibile ottenere una luce monocromatica da una luce policromatica?

Una luce monocromatica può essere ottenuta - ad esempio - grazie al prisma ottico.

Il prisma ottico è un mezzo omogeneo rifrangente che, sfruttando il fenomeno della rifrazione, riesce a disperdere la luce policromatica "separandola" nelle diverse componenti monocromatiche che la compongono.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è l'effetto Kerr?

Che cos'è l'esperimento di Young?

Quando si ha riflessione della luce?

Diffusione della luce o scattering

Cosa afferma la legge di Lambert Beer?

Studia con noi