chimica-online.it

Infiammabilità e punto di infiammabilità

Che cosa si intende con infiammabilità e punto di infiammabilità?

L'infiammabilità è la tendenza di una sostanza ad avviare la reazione di combustione nel caso in cui venga a contatto con una fiamma.

Una sostanza che ha una elevata infiammabilità si dice "infiammabile".

E' quindi infiammabile una sostanza che, se portata ad una temperatura superiore a quella di autoaccensione (temperatura di autoaccensione = temperatura minima richiesta per iniziare o autosostenere la combustione), brucia con sviluppo di fiamma.

combustibile

Simbolo di una sostanza infiammabile (nuovi pittogrammi).

Per tale motivo una sostanza infiammabile deve essere conservata in un luogo isolato e lontano da fonti di calore, scintille o fiamme.

Sostanze ininfiammabili

Una sostanza che invece è non infiammabile si dice "ininfiammabile".

Esempio di sostanze ininfiammabili sono:

Punto di infiammabilità

L'infiammabilità di una sostanza è in relazione al valore del suo "punto di infiammabilità".

Si dice punto di infiammabilità (o flash point) la temperatura minima a cui una sostanza combustibile libera vapori che si accendono a contatto con una fiamma.

Il punto di infiammabilità è quindi un dato caratteristico per ciascuna sostanza combustibile.

Alcuni esempi di punti di infiammabilità di sostanze combustibili sono riportati qui di seguito:

Studia con noi