chimica-online.it

Resistenze in parallelo

Collegamento di resistenze in parallelo

Per collegare due o più resistenze in parallelo basta unire il capo iniziale di un resistore direttamente col capo iniziale di un altro.

Le resistenze collegate in parallelo sono soggette alla medesima differenza di potenziale ai loro capi:

resistenze collegate in parallelo

Per calcolare la resistenza equivalente di due o più resistenze poste in parallelo bisogna sapere che il reciproco della resistenza equivalente è la somma dei reciproci di ciascuna resistenza:

resistenza equivalente di due o più resistenze poste in parallelo

In tal modo si ottiene una resistenza equivalente minore di ciascuna resistenza presente nel sistema.

Nel caso specifico di due resistenze poste in parallelo la resistenza equivalente è pari a:

resistenza equivalente di due resistenze poste in parallelo

per cui se le due resistenze sono uguali e pari a R la resistenza equivalente sarà R/2.

Nei circuiti domestici tutti gli utilizzatori sono collegati tra di loro in parallelo in modo da usufruire della stessa tensione (solitamente 220 V) e poter operare indipendentemente l’uno dall’altro.

Il partitore di corrente

Il partitore di corrente si applica a due o più resistori collegati in parallelo, cioè se sono caratterizzati dalla stessa differenza di potenziale V ai loro capi.

Quanto varrà la corrente che circola su ogni singolo resistore conoscendo la corrente totale che circola nel circuito?

Consideriamo inizialmente il caso di due resistenze R1 ed R2 collegate in parallelo:

due resistenze in parallelo

La resistenza equivalente del circuito è pari a:

resistenza equivaente di due resistenze collegate in parallelo

Per cui la corrente che circola nel circuito per la prima legge di Ohm è:

corrente totale di due resistenze collegate in parallelo

Ora ad ogni resistenza è applicata una ddp pari a quella generale V del sistema, per cui si ha che ogni singola corrente vale:

i1 = V / R1

e

i2 = V / R2

La somma di i1 e di i2 deve restituire i:

somma correnti

Che è proprio il risultato da cui siamo partiti.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Esercizi online e gratuiti sulla prima legge di Ohm

Esercizio svolto e commentato su circuito RLC

Esercizio svolto sul secondo principio di Kirchhoff

Esercizio svolto sulla legge dei nodi

Collegamento di resistenze in serie

Esercizio svolto su due elettrodomestici collegati in parallelo

Studia con noi