chimica-online.it

Anidride nitrica

Proprietà e caratteristiche dell'anidride nitrica

L'anidride nitrica, nota anche con il nome di pentossido di diazoto, è un composto con formula chimica N2O5 (O2N-O-NO2).

Presenta la seguente struttura:

Anidride nitrica

È un solido incolore, termodinamicamente instabile (ΔG° = 113,8 kJ/mol), che fonde a 30°C e bolle a 47°C, decomponendosi in ossigeno ed ossidi inferiori di azoto, secondo la reazione:

2 N2O5 → O2 + 4 NO2

Ha densità pari a 2,05 g/cm3 e massa molare di 108,01 g/mol.

Preparazione dell'anidride nitrica

È possibile preparare l'anidride nitrica disidratando acido nitrico concentrato con pentossido di difosforo (anidride fosforica) che forma acido metafosforico:

2 HNO3 + P2O5 → N2O5 + 2 HPO3

Alternativamente è possibile preparare l'anidride nitrica ossidando NO2 con ozono:

2 NO2 + O3 → N2O5 + O2

Reazioni caratteristiche dell'anidride nitrica

L'anidride nitrica N2O5 reagisce con acqua formando acido nitrico:

N2O5 + H2O → 2 HNO3

da cui il suo nome tradizionale di anidride nitrica.

N2O5 si comporta da forte ossidante nei confronti di metallinon metalli e sostanze organiche. 

Ai raggi X i cristalli N2O3 mostrano una struttura ionica NO2+NO3-, e quindi N2O5 può considerarsi come nitrato (NO3-) di nitronio (NO2+).

L'anidride nitrica e le piogge acide

Le attività industriali, il riscaldamento degli edifici e l'utilizzo degli autoveicoli sono responsabili dell'inquinamento atmosferico in seguito all'emissione (anche e non solo) di grandi quantità di ossidi di azoto (genericamente definiti NOx).

Questi gas, in seguito a reazioni chimiche catalizzate dalla luce solare, si ossidano ad anidride nitrica N2O5, la quale, a contatto con l'acqua piovana, produce acido nitrico HNO3, sostanza responsabile dell'aumento dell'acidità delle precipitazioni atmosferiche (piogge acide).

Studia con noi