chimica-online.it

Fritta

Che cos'è la fritta?

La fritta è un vetro macinato che si usa nella preparazione di vernici e smalti.

Si prepara fondendo i componenti e raffreddando rapidamente (temprando) la massa fusa, per esempio gettandola nell'acqua oppure facendola passare tra cilindri d'acciaio raffreddati con acqua.

Nel caso dei rivestimenti a smalto si impiegano fritte costituite da silicati amorfi misti a Li2O, K2O, Na2O, Bi2O3, PbO quali fondenti e TiO2, Sb2O3 quali opacizzanti, le quali vengono stese o spruzzate sul metallo arroventato.

Per quale motivo viene preparata la fritta?

Lo scopo principale del processo alla fritta è di trasformare una massa contenente delle materie prime solubili in acqua in un vetro insolubile, in modo da poter ottenere più facilmente una loro distribuzione omogenea nella vernice o nello smalto durante la lavorazione.

Altri vantaggi del processo alla fritta sono la trasformazione di sostanze velenose (per esempio composti di piombo) in forme meno nocive, una distribuzione più omogenea del colore e una diminuzione della perdita di sostanze volatili.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Caratteristiche e proprietà della diatomite

Che cos'è il Flysch?

Che cosa sono le rocce eruttive?

Caratteristiche e proprietà della diorite

Che cos'è il carsismo e come si origina?

In geologia e in metallurgia che cos'è la dendrite?

Studia con noi