chimica-online.it

Semimetalli

Generalità e proprietà dei semimetalli

I semimetalli sono quegli elementi della tavola periodica che presentano caratteristiche chimiche tipiche dei metalli o dei non metalli a secondo che si combinino con elementi a spiccato carattere rispettivamente non metallico oppure metallico; si tratta di una categoria non rigorosamente delimitata.

I semimetalli hanno pertanto carattere anfotero, nel senso che in alcuni casi si comportano da metalli e in altri casi si comportano da non metalli. Infatti, mentre i metalli sono caratterizzati dal fatto che con reagendo l'ossigeno formano ossidi basici (K2O, BaO, ecc.) e i non metalli formano ossidi acidi (SO3, N2O5, ecc.), i semimetalli formano ossidi anfoteri (es. B2O3).

Gli ossidi anfoteri sono ossidi che in acqua possono formare sia gli idrossidi (che invece vengono formati dagli ossidi basici) che gli acidi ossigenati (che invece vengono formati dagli ossidi acidi).

La posizione dei semimetalli nella tavola periodica degli elementi

Nella tavola periodica i semimetalli si trovano a cavallo tra i metalli e i non-metalli lungo una linea immaginaria che unisce il boro con l'astato.

Semimetalli

In questa tavola periodica i semimetalli sono stati evidenziati in verde.

Come è possibile notare dalla tavola periodica, a sinistra dei semimetalli ci sono i metalli mentre a destra ci sono i non-metalli.

Caratteristiche dei semimetalli

Caratteristica principale dei semimetalli è quella di essere semiconduttori; un semiconduttore è una sostanza che conduce la corrente elettrica meglio di un isolante ma neanche così bene come i metalli.

Relativamente alle proprietà periodiche, quali ad esempio l’elettronegatività e l’energia di ionizzazione, i semimetalli hanno valori intermedi tra quelli dei metalli e quelli dei non metalli. Invece, relativamente all'aspetto, i semimetalli hanno lucentezza tipica dei metalli ma la fragilità dei non metalli.

Elenco dei semimetalli

I semimetalli sono (in ordine di numero atomico crescente):

Al riguardo è bene precisare che alcuni autori includono nei semimetalli anche il polonio, benché le sue proprietà semimetalliche non siano da tutti accreditate. Si è invece concordi nel ritenere boro, silicio, germanio, arsenico, antimonio, tellurio e astato appartenenti a questa categoria di elementi chimici.

Impiego dei semimetalli

I semimetalli (come per esempio il silicio e il germanio), se presentano impurezze di altri elementi a loro vicini come posizione nella tavola periodica, sono eccellenti semiconduttori.

I semimetalli vengono pertanto impiegati nella produzione di diodi e transistor a semiconduttore, costituenti essenziali dei circuiti integrati, contenuti in tutte le apparecchiature elettroniche moderne, quali ad esempio, computer, radio, televisioni, ecc.

Studia con noi