chimica-online.it

Diclorometano

Proprietà e caratteristiche del diclorometano

Il diclorometano (DCM), noto anche con il nome di cloruro di metilene, è un composto con formula chimica CH2Cl2.

Presenta la seguente struttura:

diclorometano

Fu ottenuto dal chimico francese Regnault facendo agire il cloro sul clorometano sotto l'azione della luce.

Attualmente è un prodotto dell'industria della clorurazione diretta del metano (per approfondimenti si veda: alogenazione degli alcani).

La reazione di clorurazione del metano porta alla formazione del clorometano (CH3Cl), del diclorometano (CH2Cl2), del cloroformio (CHCl3) e del tetracloruro di carbonio (CCl4) che possono essere successivamente separati per distillazione.

Il diclorometano è un liquido bassobollente, di odore etereo, ininfiammabile; un filo metallico fortemente incandescente o le scariche elettriche possono però provocare l'esplosione di alcune miscele concentrate di cloruro di metilene e aria.

Aggiunto a solventi infiammabili in quantità dal 10 al 20% li rende ininfiammabili.

E' miscibile con la maggior parte dei solventi organici, poco solubile in acqua (1,32% a 25°C).

Il diclorometano forma azeotropi col pentano, ciclopentano, butadiene, alcool etilico e acqua.

Reagisce con alcuni bromuri metallici ad alogeno labile sostituendo uno od entrambi gli atomi di cloro col bromo.

Usi del diclorometano

Il diclorometano è un intermedio per la sintesi di derivati della serie acetica.

Da solo o mescolato con alcool, etere od esteri è un ottimo solvente per olii, resine, cere.

Come solvente viene usato nell'industria tessile, del cuoio artificiale, di films di esteri cellulosici, dei lubrificanti, ecc.

Studia con noi