chimica-online.it

Denaturazione delle proteine

Alterazioni e denaturazione delle proteine

Le proteine (o protidi) sono dei polimeri di amminoacidi.

Queste macromolecole ubiquitarie costituiscono circa i tre quarti del peso secco della maggior parte dei tessuti animali e di conseguenza sono coinvolte nella struttura e nelle funzioni di ciascun organismo vivente.

Nonostante il fatto che i pesi molecolari delle proteine variano intorno al milione, numerose proteine sono state cristallizzate o, almeno purificate fino al punto di averle come sostanze omogenee.

Esse però possono alterarsi molto facilmente a causa di modificazioni di pH, per effetto di radiazioni U.V., del calore, o per azione di solventi organici.

Tali alterazioni vengono comunemente denominate come denaturazione delle proteine.

Una proteina denaturata - anche se è del tutto simile, per quel che riguarda la struttura chimica grossolana, alla proteina originaria - tuttavia non è più in grado di adempiere alle sue importanti funzioni biologiche.

La denaturazione delle proteine modifica in particolare la struttura secondaria, la struttura terziaria e la struttura quaternaria delle proteine lasciando inalterata invece la struttura primaria.

denaturazione delle proteine

In altre parole, i legami peptidici che legano i singoli amminoacidi rimangono inalterati e pertanto, nella denaturazione delle proteine, la composizione e la sequenza con cui gli amminoacidi sono legati rimangono invariati.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è il proteoma?

Quante proteine contengono le mandorle?

Studia con noi