chimica-online.it

Osso temporale

Che cos'è l'osso temporale?

L'Osso Temporale è un osso pari e simmetrico che fa parte del complesso di ossa che compongono la scatola cranica.

Nonostante le ossa del cranio siano genericamente indicate come ossa piatte, a causa della presenza di un imponente protuberanza definita Piramide del Temporale, sarebbe più appropriato identificarlo come osso irregolare.

Osso temporale del cranio

Osso temporale del cranio.

Osso temporale: struttura generale e funzioni

All'interno della scatola cranica occupa una porzione latero-basale, andando così a prendere parte sia alla formazione della volta che, in parte, a quella della base del cranio. In corrispondenza di questo osso si apre il canale uditivo, circondato dal meato acustico.

La struttura generale di questo osso prevede la presenza di una grossa squama piatta, che si continua in una zona detta regione mastoidea e che occupa la posizione laterale nel cranio, e un elemento detto Piramide (o anche Rocca Petrosa) che si protrae ortogonalmente alla squama posizionando la propria base sulla parte centrale del margine inferiore di essa.

L'osso frontale è molto importante perché, oltre ad assurgere ad una funzione strutturale di rilievo, protegge alcuni importanti organi di senso e ospita canali e fori per il passaggio di vasi e nervi.

Osso temporale visione interna

Osso temporale - visione interna.

Porzione piatta dell'osso temporale

La porzione piatta dell'osso temporale è piuttosto semplice e uniforme, costituita principalmente dalla squama, una lamina piatta, convessa esternamente e concava internamente, separata dalla regione mastoidea per effetto di una fessura chiamata "fessura petrosquamosa".

Lungo la superficie esterna della squama si possono notare piccole creste per l'inserzione di muscoli facciali, mentre il versante interno presenta i segni delle circunvoluzioni cerebrali.

Lungo la porzione anteriore si trova il punto di attacco del processo zigomatico, una protuberanza piatta e allungata che dall'osso temporale si protende verso l'osso zigomatico. Tra il processo zigomatico e l'osso temporale si forma una fossa, detta fossa mandibolare, dove il temporale articola con la mandibola.

La porzione mastoidea, che rappresenta la continuazione della squama da essa separata solo dalla fessura petrosquamosa, presenta un processo appuntito e compatto che prende il nome di processo mastoideo.

Osservandolo in sezione, il processo mastoideo presenta all'interno delle cavità, come dei seni che sono in comunicazione con il cavo del timpano e prendono il nome di celle mastoidee. Lungo la sua faccia endocranica, si trova un piccolo foro definito forame mastoideo, attraverso cui si realizza un passaggio di comunicazione con l'interno dell'osso.

Nei pressi del punto di attacco del processo zigomatico si rileva la presenza del meato acustico, che circonda il canale acustico esterno e il cui bordo è contornato da una formazione a labbro che però non circonda il margine del meato per intero ma si interrompe postero-inferiormente. In quel lato, è sostituito da un piccolo processo, detto spina soprameatum.

Osso temporale visione esterna

Osso temporale - visione esterna.

Piramide del temporale

La Piramide del temporale si protrae verso l'interno, andando a formare parte della base del cranio, e si inserisce perpendicolarmente alla squama. La fessura petrosquamosa è convenzionalmente considerata come la linea di separazione tra la squama e la piramide.

La base della piramide (o faccia inferiore) corrisponde alla faccia inferiore della superficie esterna dell'osso temporale e qui troviamo:

  • il processo stiloideo, un piccolo stiletto osseo dove si inseriscono vari fasci muscolari;
  • l'ingresso del canale carotico, da cui la carotide penetra nell'osso temporale;
  • il foro stilomastoideo, posizionato avanti alla apertura del canale facciale;
  • il canale della vena giugulare interna, che si scava lungo la superficie dell'osso in posizione mediale rispetto al processo mastoideo.

La faccia superiore di questo osso è caratterizzata da alcune strutture particolari. All'inizio troviamo il Tegmen Timpani, che costituisce il tetto del cavo del timpano, a cui fa seguito una struttura detta eminenza arcuata ed infine si ritrovano due piccoli canali: il primo definisce l'ingresso del nervo piccolo petroso mentre il secondo è chiamato hiatus del canale facciale, da cui si sviluppa il nervo grande petroso.

Lungo la faccia superiore della piramide del temporale osserviamo la presenza di due margini: il margine superiore e quello antero-inferiore. Il primo si presenta con un profilo tagliente, l'altro è più smussato e rappresenta il confine tra la porzione interna ed esterna della piramide.

La faccia inferiore è stata descritta poche righe sopra; tra la faccia superiore e quella inferiore si osserva una piccola lamina che può essere considerata la faccia anteriore di questa parte dell'osso temporale e ospita al suo interno un canale, il canale della tuba uditiva.

L'ultima faccia è quella posteriore, nella quale possono osservarsi altre strutture particolari:

  • il meato acustico interno, da cui si sviluppa e si diparte l'8° nervo encefalico;
  • la fossa petrosa, una piccola incisura appena accennata;
  • l'apertura dell'acquedotto del vestibolo, che si colloca nelle vicinanze immediate del meato e consente al vestibolo di condividere il liquido con il liquor cefalo-rachidiano;
  • il processo giugulare, una piccola protuberanza appuntita di grande rilevanza per il modo con cui forma l'articolazione con l'osso occipitale. Al congiungimento delle due ossa, infatti, si forma una struttura che prende il nome di forame giugulare che consente il passaggio della vena giugulare interna.

Meato acustico esterno e piramide

Particolare del meato acustico esterno (sx) e della piramide (dx).

Infine, la piramide termina in un apice. Tale apice si presenta cavo internamente, perché consente il passaggio del canale carotico che scorre attraverso tutta la piramide e continua a scorrere, una volta fuoriuscito, percorrendo la superficie esterna dell'osso sfenoide.

Osservando la Piramide Temporale in sezione, è possibile osservare come la sua struttura interna sia molto particolare. La complessità di questa struttura è data dal fatto che questa al suo interno ospita la coclea e il canale semicircolare, attorno a cui si sviluppa. Da questo punto di vista, questa porzione anatomica può essere considerata una struttura che svolge la funzione di supporto e protezione per questi altri importanti elementi.

Link correlati:

Che cos'è l'osso occipitale?

Quali sono le ossa della gamma?

Che cos'è il sistema scheletrico?

Studia con noi