chimica-online.it

Esercizio su soluzioni isotoniche

Esercizio svolto su soluzioni isotoniche

Due soluzioni isotoniche sono mantenute alla stessa temperatura e sono così costituite:

a) 0,25 g di aspirina (MM = 180,15 g/mol) in 100 mL di soluzione;

b) 1,59 g di un non elettrolita in 250 mL di soluzione.

Si determini la massa molare del non elettrolita.

Svolgimento dell'esercizio

Le due soluzioni sono isotoniche e quindi hanno la stessa pressione osmotica.

Ricordando che:

π = i · M · R · T

Si ha che:

πa = πb

Ovvero la pressione osmotica della soluzione a) è uguale alla pressione osmotica della soluzione b).

In entrambi i casi i = 1 (entrambi i soluti sono non elettroliti, per cui):

Ma · R · Ta = Mb · R · Tb

Semplifichiamo R e Ta con Tb (le soluzioni sono mantenute alla stessa temperatura).

Ma = Mb

Determiniamo inizialmente il numero di moli di aspirina.

na = g / MM = 0,25 / 180,15 = 1,39 · 10-3 mol

Determiniamo la molarità della prima soluzione:

Ma = n / V = 1,39 · 103 / 0,1 = 0,0139 mol / L

Siccome:

Ma = Mb

Anche Mb = 0,0139 mol / L

Determiniamo le moli del soluto della soluzione b):

nb = Mb · Vb = 0,0139 mol / L · 0,25 L = 3,475 · 10-3 mol

Ricaviamo infine la massa molare del soluto della soluzione b):

MM = g / n = 1,59 g / (3,475 · 10-3 mol) = 457,5 g/mol

Pertanto la massa molare del soluto della soluzione b) è pari a 457,5 g/mol.

Link correlati:

Esercizio svolto sulla durezza dell'acqua

Esercizio sul calcolo del battente idrostatico

Studia con noi