chimica-online.it

Come varia la resistenza di un termistore NTC con la temperatura

Legge che lega la resistenza alla temperatura in un termistore NTC

Un termistore NTC (B = 3455 K) con resistenza pari a 10 KΩ a 25°C è portata a 100°C. Quale sarà il nuovo valore della resistenza del sensore?

Svolgimento dell'esercizio

Iniziamo con il ricordare che un termistore è un componente elettronico realizzato per rilevare la temperatura. È realizzato attraverso un materiale semiconduttore la cui resistenza varia al variare della temperatura.

Più in particolare, i termistori i termistori NTC (dall’inglese Negative Temperature Coeffiecient) sono caratterizzati da una resistenza elettrica decrescente al crescere della temperatura.

Per i termistori NTC vale in prima approssimazione l’equazione di Steinhart – Hart per cui è possibile ottenere una legge matematica che lega la resistenza del termistore alla temperatura T tramite la formula:

Legge che lega la resistenza alla temperatura in un termistore NTC

In cui:

  • R0 è la resistenza del termistore alla temperatura di 25°C (298,15 K);
  • B è una costante del termistore (unità di misura K);
  • T0 è 298,15 K;
  • RT è il valore della resistenza del termistore alla temperatura T espressa in gradi K.

Per cui la resistenza a t=100 cioè T = 100 + 273,15 = 373,15 K sarà:

Come varia la resistenza di un termistore NTC con la temperatura (esercizio)

Pertanto la resistenza del termistore calcolata alla temperatura di 100°C vale 973 ohm.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Quando un circuito elettrico si dice aperto?

Cosa afferma la legge di Hopkinson?

Cosa affermano le equazioni di Maxwell?

Interpretazione della legge di Ohm nel piano cartesiano

Studia con noi