chimica-online.it

Motogeneratore

Come funziona un gruppo motogeneratore?

Nella sua più rigorosa accezione con il termine di motogeneratore si intende un gruppo di macchine comprendente un motore primo, generalmente a combustione interna (a carburazione, Diesel e a gas), e un generatore elettrico posto sullo stesso basamento del motore primo, il cui albero è meccanicamente collegato con quello del generatore.

Nell'uso comune il termine viene anche impiegato per indicare i gruppi convertitori descritti più avanti.

Data la diffusione delle reti di distribuzione di energia elettrica, i gruppi motogeneratori definiti con la prima accezione sono ormai poco usati in Italia; essi invece vengono ancora largamente impiegati nei paesi meno sviluppati o in quei casi nei quali occorra una sorgente di energia elettrica indipendente, come nelle applicazioni militari o per costituire una riserva di emergenza.

Gruppi convertitori

Con tale termine viene definito un gruppo di macchine elettriche formato da un motore e da uno o più generatori, i cui alberi sono meccanicamente accoppiati, avente lo scopo di trasformare l'energia elettrica disponibile in energia elettrica di particolari caratteristiche.

Il motore del gruppo è scelto in modo che possa venir alimentato dalla sorgente di energia disponibile; i generatori sono previsti per fornire energia delle caratteristiche desiderate.

I gruppi convertitori sono anche impiegati in sistemi di regolazione della tensione di una rete.

Il principale vantaggio di un gruppo convertitore, rispetto ad altri sistemi di trasformazione, è la flessibilità che offre il fatto di usare una macchina distinta per le diverse funzioni; spesso il gruppo può costituirsi mediante l'accoppiamento di macchine di serie e quindi con un minimo lavoro di progettazione.

Il rendimento di un gruppo convertitore è piuttosto basso, poiché si ha necessariamente una doppia trasformazione di energia elettrica in energia meccanica e di energia meccanica nuovamente in energia elettrica.

Nel caso più comune, di gruppo formato da due macchine, il rendimento del gruppo è uguale al prodotto dei rendimenti di ciascuna delle due macchine.

Impieghi dei gruppi convertitori

I gruppi convertitori sono usati per diversi scopi, come la conversione di corrente alternata della rete in corrente alternata di diversa frequenza (ridotta per alcune applicazioni ferroviarie o aumentata per riscaldamento a induzione, ecc.), o per ricavare corrente continua per impieghi speciali (ad esempio, per la saldatura elettrica), o ancora per complessi di regolazione molto ampia di velocità di motori a corrente continua.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è un megafono?

Studia con noi