chimica-online.it

Pleocroismo

Che cos'è il pleocroismo?

Vuoi sapere che cos'è il pleocroismo?

Vuoi sapere come si manifesta il pleocroismo?

Se si continua con la lettura dell'articolo. In questa pagina del sito vedremo infatti che cos'è il pleocroismo e come si manifesta.

Alcuni minerali usati come gemme presentano il fenomeno ottico del pleocroismo, tipico per alcuni minerali birifrangenti che hanno la proprietà di assorbire diversamente la luce secondo le direzioni nelle quali vengono attraversati.

E' per tale motivo che tali minerali, osservati da direzioni diverse, manifestano colorazioni diverse.

A seconda di quanto intensa sia la variazione del colore, il pleocroismo può essere definito nullo, debole, medio o intenso.

Pleocroismo nella cordierite.

Dicroismo e tricroismo

Nei minerali birifrangenti uniassici la luce si scompone in due raggi, ordinario e straordinario, con due diversi indici di rifrazione, e si hanno due colori (dicroismo), come si osserva nel rubino, nello zaffiro e nello smeraldo.

Nei minerali birifrangenti biassici la luce dà luogo a tre raggi polarizzati, visibili due alla volta, a cui corrispondono tre indici di rifrazione, e si possono avere tre colori diversi (tricroismo), come avviene nell'alessandrite, varietà assai pregiata di crisoberillo.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è il gatteggiamento?

Che cos'è l'iridescenza?

In cristallografia che cosa si intende per geminazione?

Cosa si studia in gemmologia?

Che cos'è la mineralogia?

In mineralogia, che cosa sono le gemme?

Che cos'è il corindone?

Che cos'è l'andalusite?

Studia con noi