chimica-online.it

Distillazione

Separazione di un miscuglio tramite distillazione

La distillazione consente di separare i componenti di una soluzione sfruttando la loro diversa volatilità (per volatilità si intende la tendenza di una sostanza a evaporare: i liquidi a basso punto di ebollizione possiedono un'alta volatilità).

E' una tecnica di separazione molto utilizzata sia nei laboratori di chimica che a livello industriale e viene spesso usata per separare due liquidi miscibili che hanno diverse temperature di ebollizione.

Per esempio si possono separare i componenti del miscuglio acqua-alcol etilico.

I liquori come brandy, whisky e grappa si chiamano distillati proprio perchè si ottengono attraverso processi di distillazione.

Con la tecnica della distillazione è anche possibile separare il solvente di una soluzione dai soluti o per frazionare sistemi normalmente allo stato gassoso dopo averli liquefatti.

Un esempio è la separazione di azoto e di ossigeno previa liquefazione dell'aria.

Anche i componenti del petrolio possono essere separati tramite distillazione.

colonna di distillazione

Nella colonna di distillazione è possibile separare i componenti del petrolio

Dalla sommità della colonna di distillazione di un impianto di raffineria escono i componenti a minor temperatura di ebollizione, come i gas combustibili e la benzina; dal fondo della colonna di distillazione escono invece i componenti con punto di ebollizione più elevato, come il gasolio e l'olio pesante.

Tecniche di distillazione

Ci sono diverse tecniche di distillazione, che si differenziano a seconda dei composti da separare. Le tre più importanti sono:

Relazioni di laboratorio

Se sei interessato a schede tecniche sulla distillazione visita le seguenti pagine:

Studia con noi