chimica-online.it

Deflagrazione e detonazione

Differenza tra deflagrazione e detonazione

Con il termine di esplosione si intende la liberazione rapida e irrefrenabile di energia: si manifesta come calore, luce (o più in generale come onde elettromagnetiche) e come fenomeni di natura meccanica, ad esempio sovrapressioni, onde sonore e onde sismiche.

Perché un'esplosione abbia luogo è necessario che una certa quantità di esplosivo innescato raggiunga date condizioni critiche oltre le quali aumenta spontaneamente la velocità di reazione.

Un'esplosione è generalmente associata a una rapida reazione chimica nella quale di sviluppano calore e prodotti gassosi che vengono liberati in un intervallo di tempo molto breve producendo - come conseguenza - enormi pressioni sul mezzo circostante e dando luogo a una serie di effetti diversi a seconda della natura del mezzo.

Le manifestazioni conseguenti a un'esplosione dipendono, almeno in parte, dalla natura della sostanza a cui è dovuta l'esplosione stessa.

Qual è la differenza tra deflagrazione e detonazione?

L'esplosione, a seconda della velocità di propagazione dei prodotti gassosi che si vengono a formare, prende il nome di deflagrazione o di detonazione.

La deflagrazione avviene con velocità dei prodotti gassosi dell'ordine di pochi centimetri o metri al secondo e con modeste variazioni della pressione.

La detonazione avviene con velocità dell'ordine di 1-10 km/s (chilometri al secondo), quindi molto superiori a quella del suono (che è di poco superiore a 300 m/s, si veda: velocità del suono) e accompagnata da sviluppo di alta pressioni.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è la barriera del suono?

Qual è la differenza tra la velocità della luce e la velocità del suono?

Quanto vale la velocità del suono nell'acqua di mare?

Che cosa sono le onde elastiche?

In fisica, che cos'è l'eco?

Che cosa rappresenta il coefficiente di conducibilità termica?

Studia con noi