chimica-online.it

Autoclave

Che cos'è un autoclave?

L'autoclave è un recipiente a chiusura ermetica il cui contenuto è rigorosamente separato dall'ambiente esterno; al suo interno si ha infatti una pressione maggiore di quella esterna che serra in modo ermetico il coperchio che poggia sulla parete interna del recipiente.

In altre parole, la differenza di pressione positiva tra l'interno del recipiente e l'ambiente esterno agevola la chiusura ermetica del coperchio dell'autoclave e quindi la sua tenuta; il coperchio del recipiente si serra tanto più fortemente quanto maggiore diviene la spinta della pressione interna.

Esistono diversi tipi di autoclavi ciascuna delle quali ha impieghi diversi. Sono per esempio autoclavi i recipienti a chiusura ermetica impiegati in ambiente ospedaliero nella sterilizzazione di strumenti chirurgici, mezzi di medicazione e biancheria. Mediante un'opportuna sorgente termica questi oggetti vengono riscaldati per un determinato tempo a una prefissata temperatura.

Vengono anche dette autoclavi i serbatoi di erogazione dell'acqua, dentro i quali si mantiene (sopra l'acqua), aria compressa, per l'erogazione di acqua in caso di insufficienza o inefficienza delle pompe.

Per l'accumulo di vapore si usano autoclavi a pressione di vapore; per la conservazione e il trasporto di gas compressi, liquefatti, di combustibili leggeri si usano autoclavi, che assumono nomi diversi (bombole, gasometri).

Nelle autoclavi per reazioni chimiche si va dai digestori nell'industria della carta alle autoclavi ad alta pressione per idrogenazione (come nella sintesi dell'ammoniaca).

Le autoclavi da laboratorio chimico e microbiologico non sono in realtà vere e proprie autoclavi proprio perchè la chiusura del coperchio non è di tipo autoclave ma è dovuta all'impiego di viti con manopola.

autoclave

Autoclave da laboratorio chimico e microbiologico.

Il termine autoclave (dal greco auto- e da clavis = "chiave") risale alla famosa pentola di Denis Papin (1681).

Riassumendo

In una autoclave il coperchio poggia - mediante l'interposizione di una guarnizione - all'apertura del lato interno del contenitore. Inizialmente il coperchio è fissato per mezzo di viti con manopola a limitata pressione; quando la pressione interna aumenta, il coperchio viene premuto contro il lato interno del contenitore e si serra.

Sicurezza delle autoclavi

Tutte le autoclavi sono sottoposte a precise norme di sicurezza per quanto riguarda i materiali, gli spessori, le saldature, i coperchi, i collegamenti con condotti, i manometri, le valvole di sicurezza, ecc. Esse devono essere collaudate e approvate da organi speciali.

Studia con noi