chimica-online.it

Omopolimero

Definizione di omopolimero

In un polimero, l'unità di ripetizione è il gruppo che si ripete uguale a se stesso lungo tutta la catena della macromolecola.

Si chiamano omopolimeri le macromolecole costituite da un'unica e ben definita unità di ripetizione; esse sono costituite da un'unica unità monomerica che si concatena con se stessa o anche da due o più unità monomeriche che si concatenano in sequenze obbligate.

Indicando con A l'unità di ripetizione, gli omopolimeri hanno la seguente struttura:

-A-A-A-A-A-A-A-A-A-A-A-A-A-A-

nella quale l'unità di ripetizione è presente, e si ripete uguale a se stessa, lungo tutta la macromolecola.

Sono esempi di omopolimeri:

Di seguito invece esempi di biomolecole che sono omopolimeri:

Relativamente al nylon 6,6 bisogna sottolineare il fatto che, pur essendo costituito da due monomeri diversi (che sono rispettivamente l'acido adipico e l'esamentildiammina), è formato, come è possibile osservare dalla figura seguente, da un'unica unità di ripetizione.

Il nylon 6,6 è pertanto un omopolimero anche se talvolta, in modo non preciso, viene definito copolimero in quanto costituto da due monomeri diversi.

Oltre agli omopolimeri esistono anche i copolimeri, costituiti da due o più unità di ripetizione diverse.

Studia con noi