chimica-online.it

Sporozoi

Che cosa sono gli Sporozoi?

Gli Sporozoi sono una classe del tipo Protozoi, comprendente animali parassiti molto eterogenei che producono generalmente spore in un determinato momento del loro ciclo vitale.

Morfologia degli Sporozoi

Data l'eterogeneità del gruppo degli Sporozoi è difficile parlare di caratteristiche morfologiche e strutturali comuni a tutti gli Sporozoi; si può riconoscere però nel loro ciclo la presenza di un individuo vermiforme e mobile, detto sporozoite, che di solito ha origine da una spora e che si accresce a spese dell'ospite, assumendo notevoli dimensioni e arricchendosi di un glucide caratteristico, il paraglicogeno (a questo stadio esso si chiama trofozoite).

Toxoplasma gondii

Toxoplasma gondii, appartenente al gruppo degli Sporozoi, è uno degli agenti eziologici della toxoplasmosi.

Il nucleo dello sporozoite si divide parecchie volte per scissione binaria dando poi origine, per ripartizione del citoplasma attorno a ogni nucleo figlio, a tanti individui uninucleati che continuano a dividersi agamicamente e vengono detti schizozoiti o merozoiti: rispetto agli sporozoiti questi sono più tozzi e con l'estremità anteriore acuminata; si dividono ripetutamente fino a dare origine a una generazione di gametociti che, per schizogonia, danno origine ai gameti: gameti maschili e femminili, quelli maschili tipicamente flagellati.

Dalla copulazione di due di essi ha origine uno zigote che può incistarsi (oocisti) oppure rimanere libero e mobile (oocinete).

Plasmodium malariae, appartenente al gruppo degli Sporozoi, è uno degli agenti eziologici della malaria.

Il corpo degli Sporozoi, in genere è caratterizzato dalla mancanza di organi di locomozione. Manca, inoltre, ogni differenziazione cellulare per la cattura o per l'ingestione degli alimenti; le sostanze nutritizie permeano in genere per endosmosi all'interno del corpo.

Riproduzione degli Sporozoi

Il momento in cui si instaura la sporogonia è diverso nei diversi Sporozoi: nella sottoclasse dei Telosporidi essa coincide con la fine dello sviluppo dello zigote e quindi con la riproduzione sessuale che porta alla formazione delle spore.

Nella sottoclasse dei Neosporidi essa avviene durante tutto il periodo vitale e l'individuo sopravvive a ogni fase sporogonica, continuando anzi a produrre sempre nuove spore.

Si hanno Sporozoi monogenetici, che completano il loro ciclo vitale in un solo individuo e nell'ambiente esterno, in quanto le spore riversate in esso si sviluppano nell'acqua o nel terreno.

Negli Sporozoi digenetici, invece, il ciclo si completa in due ospiti e la fase schizogonica avviene in un animale di specie diversa da quello in cui avviene, invece, la fase sporogonica.

Ecologia e distribuzione

Gli Sporozoi possono parassitare praticamente qualunque animale: uccelli, mammiferi, anellidi, molluschi e, alcuni essi, anche l'uomo.

Gli Sporozoi possono anche vivere in una cavità interna del loro ospite (celozoici) oppure in un tessuto (istiozoici). In ogni caso, se anche per tutta la vita essi si comportano come celozoici, almeno in uno stadio si attaccano e penetrano in una cellula ospite.

Questa fase può essere brevissima, quasi impercettibile, ma quando è lunga ed estesa (per ripetuta schizogonia) la distruzione del tessuto interessato può essere notevole e assumere un significato patologico, da cui l'importanza che molti Sporozoi assumono per la medicina umana e veterinaria.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Qual è la struttura di un operone? Che cos'è un operone Lac?

Studia con noi