chimica-online.it

Livelli e sottolivelli energetici

Qual è la differenza tra livelli e sottolivelli energetici?

Di frequente vengono usate le dizioni livelli e sottolivelli energetici o semplicemente livelli e sottolivelli.

Cosa stanno a significare?

Qual è la loro differenza?

La dizione livello di energia sta ad indicare l'insieme degli stati energetici corrispondenti ad un certo valore di n (numero quantico principale).

Quindi: n = 1 è il primo livello di energia, n = 2 è il secondo livello di energia, n = 3 è il terzo livello di energia, ecc.

Sottolivello di energia

La dizione sottolivello di energia sta ad indicare invece i singoli stati energetici corrispondenti ai diversi valori di l (numero quantico secondario) possibili per quel valore di n.

Il numero di sottolivelli di energia presenti in un determinato livello è pari al valore di n.

Così, ad esempio, nel primo livello di energia (n = 1) è presente un unico sottolivello di energia (s).

Al secondo livello di energia (n = 2) corrispondono 2 sottolivelli energetici (s, p), ciascuno comprendente un definito numero di orbitali (rispettivamente 1 e 3).

Al livello energetico n = 3 corrispondono 3 sottolivelli energetici (s, p, d), ciascuno dei quali comprendente un definito numero di orbitali (rispettivamente 1, 3 e 5).

Numero massimo di elettroni in ciascun livello di energia

Il numero massimo di elettroni che ciascun livello energetico n può contenere, è dato dalla seguente formula:

2 · n2

Pertanto, il numero massimo di elettroni che il primo livello di energia (n = 1) può contenere è dato dalla formula 2 · 12; quindi 2 elettroni.

Il numero massimo di elettroni che il secondo livello di energia (n = 2) può contenere è dato dalla formula 2 · 22 = 8 elettroni.

Il numero massimo di elettroni che il terzo livello di energia (n = 3) può contenere è dato dalla formula 2 · 32 = 18 elettroni.

Stesso ragionamento vale per i restanti livelli di energia.

Studia con noi