chimica-online.it

Emodinamica

Di cosa si occupa l'emodinamica?

Vuoi sapere che cos'è l'emodinamica?

Vuoi sapere cosa studia l'emodinamica?

Se si continua con la lettura dell'articolo. In questa pagina del sito vedremo infatti che cos'è l'emodinamica e cosa studia.

Con il termine di emodinamica si intende quella branca della fisiologia cardiovascolare che si occupa di studiare l'insieme di fatti e problemi relativi alla circolazione del sangue nei vertebrati.

All'origine i problemi emodinamici sono problemi di ordine biofisico ed è sotto questo punto di vista generale e di base che essi verranno considerati.

Le condizioni fondamentali e determinanti che caratterizzano l'emodinamica nell'ambito della meccanica dei fluidi possono ridursi a tre:

1) pressione variabile;

2) condotte elastiche;

3) fluido inomogeneo.

1) La pressione risulta variabile perché l'espulsione del sangue dal cuore avviene periodicamente e in modo discontinuo.

L'immissione discontinua di una certa quantità di fluido in un recipiente più o meno elastico determina infatti un aumento di pressione che tende poi ad annullarsi in quella fase del ciclo nella quale l'immissione, definita discontinua, è nulla.

L'esistenza di una pressione variabile determina a sua volta delle condizioni di moto vario, dal momento che la velocità del fluido è funzione anche della pressione o meglio della differenza di pressione.

Questo significa che una generica particella di sangue sarà sottoposta, nel corso del suo movimento complessivo, a successive variazioni di velocità e quindi ad accelerazioni positive e negative.

2) Le pareti dei tubi nei quali si muove il sangue sono definite genericamente elastiche.

Questa elasticità è di quel tipo proprio degli elastomeri, gruppo di materiali di cui l'esempio più noto è la gomma.

Ma il fatto più importante è che questa elasticità varia nelle sue caratteristiche statiche e dinamiche secondo le condizioni di funzionamento del sistema, il che ha importanti conseguenze meccaniche e comporta non poche difficoltà analitiche.

3) Infine il sangue è un fluido inomogeneo, dal momento che è composto anche di alcuni corpi solidi e di colloidi.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è l'embriologia?

Che cosa studia l'elettrofisiologia?

Che cosa è la parotite?

Che cos'è un'emorragia?

Studia con noi