chimica-online.it

Avitaminosi

Sintomi e cause dell'avitaminosi

Per avitaminosi si intende la deficienza di alcune vitamine che provoca l'insorgenza di una sintomatologia clinica caratteristica; in particolare si ha avitaminosi in caso di carenza di vitamina A, D, K, B1, PP, C, B12, acido folico.

La carenza di altre vitamine, come la E, B2, B6, H, acido pantenico, non comporta invece nell'uomo una sintomatologia particolare.

Sintomi carenziali da avitaminosi

I sintomi carenziali dovuti ad avitaminosi sono diversi a seconda della vitamina coinvolta.

Nel caso di avitaminosi A, i sintomi carenziali si rivelano a carico dell'occhio, della pelle, delle mucose.

Molto più frequente è l'avitaminosi D, che comporta nei bambini l'instaurarsi del rachitismo e negli adulti osteomalacia e osteoporosi.

L'avitaminosi K comporta, tramite la diminuzione della attività protrombinica del sangue, una diatesi emorragica.

L'avitaminosi B1 determina disturbi del metabolismo glucidico e idrico che si ripercuotono specialmente a carico del tessuto nervoso, di quello muscolare e dell'acqua corporea. La più grave manifestazione clinica di tale avitaminosi è il beri-beri.

La carenza di nicotinammide o vitamina PP determina l'insorgenza di una malattia chiamata pellagra, che è caratterizzata da disturbi gastroenterici, neuropsichici e cutanei.

L'avitaminosi C (acido ascorbico) determina l'insorgenza dello scorbuto, malattia acuta o cronica che negli adulti si manifesta con stomatite emorragica, emorragie muscolari ed emorragie cutanee, soprattutto a carico degli arti inferiori. Si ha inoltre astenia, dimagrimento, irritabilità e dolori diffusi.

Le avitaminosi B12 e da acido folico comportano infine anemie megaloblastiche.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Quali sono i batteri patogeni per l'uomo?

Studia con noi