chimica-online.it

Dirigibile

Come funziona un dirigibile?

Vuoi sapere che cos'è un dirigibile?

Vuoi conoscere come funziona un dirigibile?

Se si continua con la lettura dell'articolo. In questa pagina del sito vedremo infatti che cos'è un dirigibile e come funziona.

Il dirigibile è un aeromobile a sostentazione prevalentemente aerostatica, capace di dirigersi per l'azione di sistemi propulsivi e di guida che permettono di pilotarne il volo in seno all'atmosfera.

I dirigibili sono stati realizzati in una gamma di dimensioni estremamente ampie e quelli di maggior mole sono noti anche sotto la denominazione di aeronavi.

Parti essenziali di un dirigibile

Un dirigibile consta sostanzialmente dei seguenti elementi fondamentali:

  • l'aerostato, in genere con forma di resistenza aerodinamica minima, nel cui interno sono suddivise (salvo il caso di dirigibili di cubatura molto limitata) le camere contenenti il gas che assicura la sostentazione;
  • le superfici di stabilizzazione e di governo, applicate alla poppa dell'aerostato;
  • i propulsori, solitamente alloggiati in gondole appese al ventre dell'aerostato;
  • la navicella, contenente l'equipaggio e il carico utile, anch'essa normalmente applicata al ventre, verso l'estremità anteriore.

Forza ascensionale di un aerostato

La forza ascensionale di un dirigibile è prevalentemente dovuta alla spinta aerostatica prodotta dal gas più leggero dell'aria contenuto nell'involucro (si veda: spinta di Archimede).

È tuttavia normale per un dirigibile ottenere forze ascensionali anche di una certa entità mediante fenomeni tipicamente aerodinamici (portanza) che si manifestano quando il dirigibile avanza nell'aria con una certa incidenza.

Appunto a questo scopo sono state studiate forme di dirigibili che possono fornire apprezzabili portanze.

I gas utilizzabili nei dirigibili per produrre forza ascensionale sono l'idrogeno e l'elio.

Di questi due, il primo è quello che genera le forze ascensionali più elevate ed è più facilmente disponibile e meno costoso; esso è purtroppo assai pericoloso data la sua alta infiammabilità. Dopo gravissime sciagure dovute all'estrema infiammabilità dell'idrogeno si è finito per impiegare quasi esclusivamente l'elio.

Differenze strutturali nei dirigibili

Le più radicali differenze nella struttura dei dirigibili si riscontrano nell'aerostato, che è solitamente di tipo rigido nei dirigibili di maggiori dimensioni e di tipo floscio (o flessibile) per i più piccoli. Un tipo intermedio è il semirigido; il tipo di dirigibile più semplice è quello floscio, di più antica costruzione.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Che cos'è e come funziona l'autogiro?

Che cos'è e come funziona un autoveicolo?

Che cosa è la fusoliera?

Studia con noi