chimica-online.it

Concia

Concia delle pelli

Con il termine di concia si intende il complesso di operazioni chimiche e meccaniche aventi lo scopo di trasformare la pelle di alcuni animali in cuoio.

A tale scopo la concia trasforma la pelle dell'animale in una sostanza imputrescibile e impermeabile di elevata tenacità e resistenza.

Fasi della concia

La concia si attua in due distinte fasi.

La prima fase, il cui scopo principale è quello di liberare il derma dalle parti di scarto, prevede la preparazione della pelle.

Tale fase viene effettuata mediante le seguenti operazioni eseguite in successione:

lavatura → depilazione → scarnatura → macerazione.

La seconda fase è la concia propriamente detta. In tale fase, a seconda del tipo di cuoio o di pelle che si vuole ottenere, vengono impiegate sostanze concianti di natura diversa.

Tipi concia

A seconda della sostanza conciante utilizzata, si possono avere vari tipi di concia.

I vari procedimenti di concia possono essere così riassunti:

  • concia al tannino: viene impiega come sostanza conciante il tannino vegetale o sintetico. Con questo tipo di concia si ottengono cuoi robusti come quelli da suola, per selleria ecc.;
  • concia all'allume: viene impiegata per la produzione di pelli morbide come ad esempio quelle utilizzate per la fabbricazione di guanti;
  • concia al cromo: ampiamente diffusa, vengono impiegate come sostanze concianti alcuni sali del cromo [tra questi uno dei più importanti è l'allume di cromo e potassio, KCr(SO4)2·12H2O]. Con questo tipo di concia si ottengono pelli fini per tomaie, pelletterie ecc.;
  • concia all'olio: vengono impiegate come sostanze concianti oli di animali marini (olio di pesce). Con questo tipo di concia si ottengono cuoi molto morbidi e pelli scamosciate.

Studia con noi