chimica-online.it

I dinosauri

Che cosa sono i dinosauri?

Vuoi sapere che cosa sono i dinosauri?

Vuoi sapere da cosa sono caratterizzati i dinosauri?

Se si continua con la lettura dell'articolo.

Il significativo nome dinosauri (dal greco δεινός = "terribile" e σαῦρος = "rettile") venne coniato più di un secolo fa per designare grandi rettili fossili, le cui ossa vennero scoperte dapprima in Europa, in seguito nell'America settentrionale e in quasi tutte le altre regioni del globo.

Il termine è entrato nel linguaggio comune, ma è quasi completamente scomparso dalla rigorosa letteratura scientifica poiché i numerosissimi rettili del Mesozoico, che nel senso più ampio vengono denominati dinosauri, devono in realtà essere distinti in due grandi ordini, saurischi e ornitischi, nettamente separabili in base a inconfondibili caratteri dello scheletro.

dinosauri

I dinosauri comparvero nel Trias, ma ebbero il massimo sviluppo nel Giurese e nel Cretaceo, scomparendo completamente alla fine di questo periodo.

I dinosauri, insieme ai pterosauri volatori e agli ittiosauri marini, furono gli incontrastati dominatori del Mesozoico o era dei Rettili.

Essi si distinguono da tutti gli altri rettili per i caratteri scheletrici degli arti; i dinosauri primitivi erano tutti bipedi, con arti posteriori molto lunghi, con una pesante coda bene sviluppata, che bilanciava la parte anteriore del corpo.

Il fulcro di questo equilibrio era costituito dalle ossa iliache. Questa particolare specializzazione comportava necessariamente una solida unione tra le ossa iliache e la colonna vertebrale, ottenuta mediante l'allargamento del sacro, che veniva così a essere formato da parecchie vertebre saldate tra loro.

L'andatura quadrupede venne acquisita soltanto più tardi da alcune famiglie, comprendenti le forme più gigantesche di animali che abbiano mai abitato la terraferma.

Tuttavia, anche in questo adattamento, essi mantengono nei particolari della struttura della pelvi e del sacro i primitivi caratteri del gruppo.

Inoltre, salvo rare eccezioni, gli arti anteriori restano sempre più brevi di quelli posteriori.

Dimensioni dei dinosauri

Le dimensioni dei dinosauri erano molto variabili, comprese da un minimo di 60 cm a un massimo di oltre 25 m.

I dinosauri vengono oggi classificati in due ordini ben distinti in base ai caratteri del cinto pelvico:

  • saurischi o sauripelvi, che hanno bacino di tipo rettiliano;
  • ornitischi o avipelvi, il cui bacino è dotato di un'apofisi posteriore, detta postpube, parallela all'ischio.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Quando e come avvenne l'estinzione dei dinosauri?

Che cosa sono i teropodi?

Che cosa è il carotaggio e come lo si ottiene?

Che cos'è l'era cenozoico e quando la si è avuta?

Che cos'è la climatologia?

Che cos'è il diastrofismo?

Che cos'è e come si forma la corrente del Golfo?

Studia con noi