chimica-online.it

Gibbone

Alimentazione, abitudini e riproduzione del gibbone

Il gibbone è una scimmia dai fianchi stretti e dalle lunghe braccia che vive nelle foreste vergini dell'India occidentale e nell'arcipelago indiano.

Offre un tipico esempio delle difficoltà in cui si imbatte lo zoologo quando vuole classificare in famiglie la molteplicità degli animali.

Non c'è stato mai infatti alcun dubbio che i gibboni siano molto simili all'uomo; eppure hanno delle callosità ischiatiche come le scimmie zoomorfe e non presentano una colonna vertebrale incurvata a forma di S come quella dell'uomo e delle scimmie antropomorfe.

D'altra parte, i gibboni sono una delle pochissime scimmie che di regola camminano in posizione eretta e solo di rado vanno a quattro zampe (comportamento simile a quello della scimmia ragno).

In loro non si nota il muso tanto prominente quanto animalesco delle altre specie, la testa è rotonda e piccola, la faccia ha una struttura quasi armoniosa e, da neonati, le braccia non sono così spropositate.

Perciò avvenne che dapprima i gibboni furono classificati dai vecchi zoologi tra le scimmie antropomorfe e poi sistemati a parte. Infine, nella tassonomia sistematica della zoologia, vengono oggi definiti piccole scimmie antropomorfe o scimmie simili all'uomo; ma anche così non è certo che abbiano trovato il loro posto definitivo nella localizzazione appropriata della specie.

Il loro cervello è infatti molto piccolo, le capacità mentali nettamente inferiori a quelle delle altre grandi scimmie antropomorfe (gorilla, scimpanzé e orango).

gibbone

Queste scimmie volanti dalle lunghe braccia non sono affatto pesanti o massicce, al contrario il loro corpo è snello, magro e leggero.

Il gibbone maggiore pesa appena 15 kg, le specie più piccole spesso non superano i 6-10 kg. Tutti i gibboni sono provvisti di un bel pelo, lungo, morbido come seta e variamente sfumato nel colore fondamentale e di una barba a collare che, chiara, incornicia le guance.

Questa scimmia, alta appena 1 m, per mantenersi in equilibrio flette le braccia, che possono giungere a un'apertura di 2 m. Non la terra, ma il verde mondo delle cime arboree è il suo regno.

Abitudini

Il gibbone non usa quasi mai le gambe: esso le trae a sè e non se ne serve nè per prendere slancio o toccar terra, nè per sorreggersi o arrampicarsi; praticamente esso le trascina solo per potersi sedere con sicurezza quando, saltando e volteggiando, ha raggiunto il suo obiettivo.

I gibboni trovano molte difficoltà quando in cattività vengono obbligati a tenere un cucchiaio o a bere da un boccale; preferiscono immergere la mano in acqua, portarla sopra alla bocca e lasciarvi cadere la bevanda.

Molto probabilmente i gibboni praticano la monogamia, vivendo in piccoli nuclei familiari che spesso si raggruppano per formare grossi branchi. La loro indole molto conciliante, quasi mite, non dà grande adito a litigi e contese.

Il branco viene guidato da un capo, sempre un maschio.

Ti lasciamo infine alcuni link che ti potrebbero interessare:

Qual è la differenza tra api e vespe?

Vuoi sapere di cosa si nutrono i serpenti?

Alimentazione, abitudini e riproduzione dell'alce

Ti sei mai chiesto come si chiamano i baffi del gatto?

Studia con noi