chimica-online.it

Ramiè

Caratteristiche del ramiè

La ramia (o ramiè) è una fibra tessile bianca e lucida, di ottimo aspetto, facilmente tingibile, che si ricava dal fusto di Boehmeria nivea o Boehmeria tenacissima della famiglia delle Urticacee.

E' molto simile alla seta tanto che viene chiamata anche seta vegetale o chinagrass (ovvero "erba della Cina").

Coltivata nell'Estremo Oriente (Cina, Giappone, Formosa) e nell'America Settentrionale, meno in Europa, è nota fin dai tempi più antichi.

La raccolta della pianta avviene anche tre o quattro volte all'anno: i ramoscelli, lunghi fino a 2-3 metri, vengono tagliati alla base e, privati dei loro semi, vengono seccati.

L'ottenimento della fibra è piuttosto costoso a causa della difficoltà dello scorteccíamento dei ramoscelli, che fino a poco tempo decenni fa era fatto esclusivamente a mano, dopo immersione in bagni alcalini a caldo; è possibile però ottenere fibre finissime.

ramiè

Morfologia del ramiè

La fibra del ramiè ha un aspetto sericeo, bianco a volte tendente al grigio, lunga da 15 a 25 cm, diametro 40-70 µm (1µm = 1 micrometro = 10-6 m), con canale centrale schiacciato.

Al miscroscopio le fibre appaiono leggermente striate e irregolari, con alcuni ingrossamenti e alcune striature.

Link sponsorizzati

Studia con noi

Shop online