chimica-online.it

Urto

Che cos'è un urto?

L’urto rappresenta la collisione tra due o più corpi nello spazio e rappresenta un’interazione in cui si sviluppano forze di tipo impulsivo, ovvero forze che hanno intensità molto elevate ma che durano un brevissimo istante.

Poiché le forze esterne risultano trascurabili rispetto a quelle interne il sistema può benissimo essere considerato come isolato per cui nei fenomeni di urto la quantità di moto totale del sistema prima e dopo la collisione si conserva (si veda: conservazione della quantità di moto).

Un urto può essere di due tipi: urto elastico e urto anelastico.

Urto elastico

Negli urti elastici oltre a conservarsi la quantità di moto del sistema si conserva anche l’energia cinetica.

E’ il caso ad esempio di una palla da biliardo colpita da un’altra in cui dopo l’urto le palline procedono non incastrate tra di loro.

Urti anelastici

Gli urti anelastici sono quegli urti in cui non si conserva l’energia cinetica ma unicamente la quantità di moto.

In particolare si parla di urti completamente anelastici quando dopo l’urto i due corpi rimangono attaccati l’un con l'altro procedendo insieme.

L’energia persa nell’urto si trasforma in altre forme di energia, ad esempio energia meccanica che serve alla deformazione dei corpi per poter procedere uniti.

Un esempio di urto completamente anelastico si ha nel caso del pendolo balistico.

pendolo balistico

Pendolo balistico

Urti obliqui

Un urto si dice obliquo se le velocità di ogni corpo, prima o dopo l’urto tra i corpi, si trovano su differenti direzioni.

Esempi di urti obliqui sono ad esempio due palline che si incontrano perpendicolarmente tra di loro o comunque due sfere che provengono da direzioni diverse e si urtano tra di loro.

Studia con noi