chimica-online.it

Cantaridina

Che cos'è la cantaridina?

La cantaridina è il principio attivo contenuto in alcuni Coleotteri, come ad esempio Lytta vesicatoria (che ne contengono lo 0,5 ÷ 1%), impiegato principalmente nel trattamento dermatologico delle verruche.

E' una sostanza con formula bruta C10H12O4 e massa molare di 196,20 g/mol.

Presenta la seguente struttura chimica:

Struttura chimica della cantaridina.

In passato la cantaridina veniva estratta dalla polvere dei coleotteri (polverizzati dopo essiccamento) mediante solventi, mentre oggigiorno viene prodotta per sintesi.

Si presenta in lamelle cristalline incolori aventi temperatura di fusione di 218 °C, insolubili in acqua fredda ma solubili negli oli.

Impieghi della cantaridina

Nel settecento la cantaridina veniva invece impiegata come afrodisiaco e abortivo.

Oggigiorno, come detto, la cantaridina trova impiego nel trattamento delle verruche: una piccola quantità viene somministrata direttamente sulla lesione per un periodo di tempo compreso tra le 4 e le 6 ore. Talvolta viene impiegata anche come revulsivo.

Precauzioni all'uso della cantaridina

E' assolutamente da evitare l'ingestione della sostanza che può provocare avvelenamento acuto, la cui sintomatologia è rappresentata da abbondante salivazione, nausea, vomito, cefalea, diarrea, ematuria (nefrite emorragica), convulsioni e collasso.

Studia con noi