chimica-online.it

Contagocce

Che cos'è un contagocce?

Il contagocce è una attrezzatura da laboratorio chimico impiegato per il dosaggio di piccole quantità di liquidi ovvero per il dosaggio di gocce di sostanza liquida prelevate da una boccetta.

E' costituito essenzialmente da un semplice tubicino di gomma (tettarella) inserito su un tubo di vetro bombato all'estremità terminale.

contagocce

Contagocce.

Molto comuni sono i contagocce inseriti direttamente nei tappi dei flaconcini.

flacone vetro con contagocce

Flaconcino di vetro con contagocce.

Altrettanto pratici sono quei flaconi il cui tappo funge da contagocce.

Tipi di contagocce:

I contagocce possono essere di due tipi:

  • a vetro liscio. Questo tipo di contagocce non è dotato di scala graduata e quindi non può essere utilizzato per scopi quantitativi;
  • a vetro graduato; in questo caso è possibile misurare, anche se non in modo preciso, la quantità di liquido versato.

Utilizzo del contagocce

Per l'utilizzo del contagocce si procede nel seguente modo:

  • si schiaccia la tettarella per provocare la fuoriuscita dell'aria dal tubicino del contagocce;
  • continuando a tenere premuta la tettarella, si inserisce la parte inferiore del tubicino nel liquido da prelevare;
  • si rilascia la tettarella; questo provoca l'aspirazione del liquido che entra pertanto all'interno del tubicino in vetro;
  • si inserisce la parte inferiore del tubicino a forma di capillare in un nuovo contenitore e si schiaccia la tettarella per fare fuoriuscire dal contagocce il liquido precedentemente prelevato.

Il funzionamento del contagocce è simile a quello della pipetta Pasteur.

Studia con noi