chimica-online.it

Cianuro

L'anione cianuro

Con il termine di cianuro si intende il residuo anionico dell'acido cianidrico.

L'acido cianidrico HCN si dissocia infatti nel seguente modo:

HCN <==> H+ + CN-

CN- è lo ione cianuro che presenta la seguente struttura:

Nonostante che l'azoto sia più elettronegativo del carbonio, l'elettrone (e la conseguente carica negativa) è collocato sull'atomo di carbonio; in questo modo, infatti il carbonio può raggiungere l'ottetto.

Una delle principali caratteristiche dello ione cianuro è la sua tossicità. Lo ione CN- è infatti in grado di complessare il ferro dell'emoglobina predisposta al trasporto dell'ossigeno nei tessuti.

In questo modo lo ione CN- riesce a "bloccare" l'attività dell'emoglobina e a causare la morte dell'organismo per soffocamento impedendo in pratica la respirazione cellulare.

Cianuri come composti

Con il termine di cianuri si indicano anche i sali dell'acido cianidrico, ovvero i composti ionici che si ottengono dalla combinazione dello ione cianuro con un catione metallico.

Sono esempi di cianuri:

Impieghi dei cianuri

I cianuri dei metalli alcalini sono solubili in acqua e - come detto in precedenza - formano facilmente complessi.

Grazie a questa loro proprietà sono largamente impiegati in galvanostegia e nella metallurgia dell'oro e dell'argento.

Il termine cianuro è riservato di norma ai composti inorganici, mentre quelli organici (cianuri organici) sono detti più propriamente nitrili.

Studia con noi