chimica-online.it

Zigote

Che cos’è lo zigote?

Lo zigote è la prima cellula di un organismo, ottenuto dalla fusione dei gameti nelle specie a riproduzione sessuata (tutti gli organismi eucariotici ad eccezione di alcuni Protisti).

La fusione dei gameti è detta fecondazione.

Tutto il citoplasma dello zigote deriva dalla cellula uovo. Lo spermatozoo si limita ad apportare il materiale genetico che si combina con quello della cellula uovo, per creare un assetto cromosomico completo.

Nei Protisti, organismi eucariotici unicellulari, lo zigote coincide con la nascita di un nuovo individuo.

Negli organismi pluricellulari, lo zigote va dapprima incontro a una serie di divisioni cellulari da cui si origina un embrione pluricellulare che, nelle fasi successive, assume la morfologia tipica della specie in questione.

L’insieme di eventi che portano alla generazione di un individuo pluricellulare con l’organizzazione corporea tipica della specie di appartenenza è indicato come sviluppo embrionale.

Lo sviluppo può essere diretto, se a conclusione si avrà la nascita di un individuo simile all’adulto ma ridotto in dimensioni, indiretto se lo sviluppo si conclude con la nascita di una larva che andrà incontro a uno o più cicli di metamorfosi prima di trasformarsi nell’adulto.

zigote

Lo zigote è la cellula uovo fecondata dallo spermatozoo. La fecondazione consiste nell’incontro e nel riconoscimento dei gameti, a cui fa seguito la fusione dei nuclei della cellula uovo e dello spermatozoo, creando così lo zigote.

L’assetto cromosomico dello zigote

Lo zigote deve avere il quantitativo di DNA tipico della specie, nella maggior parte dei casi diploide, in alcune piante poliploide, in alcuni protisti, funghi e alghe aploide.

In quest’ultimo caso, lo zigote, generato dalla fusione di gameti aploidi e quindi diploide, va subito incontro a meiosi per poi proseguire con una serie di divisioni mitotiche che generano un individuo pluricellulare dove tutte le cellule sono aploidi.

Un ciclo vitale di questo tipo è detto aplonte, dove solo lo zigote rappresenta una fase diploide transitoria e la meiosi a cui va incontro è detta iniziale o zigotica.

Nelle specie diploidi e poliploidi, lo zigote si forma da gameti aploidi o comunque con metà dei cromosomi normalmente presenti nelle cellule somatiche e mantiene l’assetto cromosomico ottenuto dalla fecondazione andando incontro solo a divisioni mitotiche.

L’embrione generato sarà pertanto diploide o poliploide.

L’alga del genere Monostroma rappresenta un tipico esempio di ciclo aplonte. L’unica fase diploide è quella dello zigote che va subito incontro a meiosi. Dalle cellule aploidi generate si ottengono, in seguito a regolari divisioni mitotiche, nuovi individui aploidi.

Studia con noi