chimica-online.it

Eterotrofi

Che cosa sono gli organismi eterotrofi?

Gli eterotrofi sono quegli organismi che non sono in grado di sintetizzare le biomolecole a partire da componenti inorganici, ma devo assumerle attraverso la nutrizione.

L'uomo, insieme a tutti gli altri animali e ai funghi, appartengono a questa categoria, mentre tra i protisti e i batteri esistono sia autotrofi che eterotrofi.

Le sostanze organiche vengono sintetizzate dai cosiddetti produttori, che sono gli organismi autotrofi come ad esempio le piante, in grado di fissare l'anidride carbonica prelevata dall'atmosfera per produrre composti organici, i quali vengono immessi nell'ambiente o trasferiti agli altri organismi tramite la catena alimentare.

Le sostanze organiche servono alle cellule per produrre tutti gli altri componenti cellulari, e sono inoltre utilizzate come riserva energetica (ossidandole si può produrre ATP).

Classificazione degli organismi eterotrofi

Gli organismi eterotrofi si possono suddividere in fotoeterotrofi e chemioeterotrofi.

Fotoeterotrofi

Gli organismi fotoeterotrofi traggono energia dalla luce tramite la fotosintesi clorofilliana, con cui producono l'ATP, ma non sono in grado di fissare il carbonio e utilizzano quindi fonti organiche preesistenti per sintetizzare le proprie biomolecole.

Alcuni organismi che utilizzano questo tipo di metabolismo sono i batteri verdi non sulfurei (Chloroflexi), e alcuni Eliobatteri.

Chemioeterotrofi

Gli organismi chemioeterotrofi non svolgono la fotosintesi ma producono energia tramite l'ossidazione di vari tipi di sostanze.

Analogamente gli altri eterotrofi, non essendo in grado di fissare l'anidride carbonica, assumono carbonio organico tramite la nutrizione.

A seconda del tipo di sostanza utilizzata durante la produzione dell'ATP è possibile distinguere gli organismi chemioeterotrofi con un'ulteriore suddivisione.

I chemiolitoeterotrofi, rappresentati da alcuni batteri, per la produzione di ATP si servono dell'ossidazione di sostanze inorganiche, come i sulfuri.

I chemiorganoeterotrofi, o semplicemente organotrofi, utilizzano i composti organici assunti con la nutrizione sia come fonte energetica per produrre ATP, sia per costituire le molecole organiche necessarie alla cellula.

La produzione di energia avviene attraverso l'ossidazione dei composti organici durante la respirazione cellulare, utilizzando diversi processi metabolici come la glicolisi, la fosforilazione ossidativa, la fermentazione, ecc.

Gli organismi organotrofi comprendono alcuni batteri (sia aerobi che anaerobi), tutti gli animali, tutti i funghi, e una parte dei protisti (i Protozoi).

Vedi anche: differenza tra autotrofi ed eterotrofi.

Studia con noi