chimica-online.it

Antociani

Che cosa sono gli antociani?

Gli antociani sono sostanze - presenti nella maggior parte dei fiori e dei frutti - di colore variabile dal rosso al violetto all'azzurro; il loro nome deriva dal greco anthos = fiore, kyáneos = blu.

Lo scheletro fondamentale delle antocianine (la cui struttura è stata studiata dal chimico tedesco R.M. Willstatter, premio Nobel nel 1915), è quello del catione flavilio rappresentato nella immagine seguente:

catione flavilio

Catione flavilio.

Grandi variazioni di colore delle antocianine sono dovute a piccole variazioni nella molecola che non ne alterano lo scheletro fondamentale. Inoltre l'acidità del succo cellulare costituente i vacuoli delle cellule vegetali ha un effetto determinante sul colore degli antociani: infatti si può ottenere in vitro un viraggio di colore da rosso a blu per opportune variazioni del pH.

Gli antociani di solito si trovano in natura come miscele in quantità diverse da fiore a fiore. Così, per esempio, l'antociano del fiordaliso rappresenta appena lo 0,75% in peso dei petali secchi, mentre nei petali della viola del pensiero può raggiungere un contenuto del 33%.

viola del pensiero

Nei petali della viola del pensiero l'antociano può raggiungere un contenuto del 33%.

La funzione principale degli antociani è quella di proteggere le piante da raggi UV; inoltre, grazie ai colori sgargianti, sono in grado di attirare insetti e uccelli, garantendo in questo modo il trasporto dei semi e la riproduzione della pianta.

Potere antiossidante degli antociani

Gli antociani, pur non essendo sostanze indispensabili per la nutrizione umana, esercitano un'azione positiva sulla salute grazie alle loro spiccate proprietà antiossidanti; la loro azione può pertanto essere paragonata ad un vero e proprio antidoto naturale anti-age.

Per tale motivo è consigliato il consumo di alimenti ricchi di antociani quali ad esempio: frutti di bosco, bietole rosse, melanzane e uva scura.

Studia con noi