chimica-online.it

Fabbisogno energetico

Fabbisogno energetico totale umano

Il "fabbisogno energetico totale" viene definito dall'Organizzazione Mondiale della sanità (OMS o WHO, da World Healt Organization) come "l'apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui con livello di attività fisica sufficiente per partecipare attivamente alla vita sociale ed economica e che abbiano dimensioni e composizione corporee compatibili con un buono stato di salute a lungo termine".

In accordo con questa definizione, il "fabbisogno energetico" di un adulto risulta dalla somma dei seguenti termini:

Il metabolismo basale rappresenta la voce più importante ed è la quantità di energia spesa dall'organismo per i normali processi vitali.

La termogenesi indotta dalla dieta rappresenta l'incremento del dispendio energetico conseguente all'assunzione di alimenti; la termoregolazione richiede invece energia per la generazione di calore in determinate circostanze; infine l'attività fisica è la quota più variabile del consumo di un organismo.

A queste voci si potrebbero aggiungere altre dovute a condizioni fisiologiche praticolari come l'accrescimento o la gravidanza e l'allattamento.

Il fabbisogno energetico deve essere compensato dall'energia chimica liberata degli alimenti introdotti con la dieta durante l'alimentazione.

Studia con noi