chimica-online.it

Acqua nel corpo umano

L'importanza dell'acqua nel corpo umano

L'acqua rappresenta il 60% in peso dell'organismo umano adulto (con un massimo del 75% nel neonato). In particolare:

acqua intracellulare 40%;

acqua extracellulare 20%;

acqua interstiziale (15%);

acqua plasmatica* (5%).

Il contenuto elettrolitico del liquido intra ed extracellulare varia qualitativamente, ossia è diversa la tipologia di soluti tra l'ambiente all'interno della cellula e quello all'esterno poichè diversi sono i processi che vi si svolgono.

Tale compartimentazione è resa possibile dalla permeabilità delle membrane cellulari, le quali lasciano passare l'acqua ma sono selettive nei confronti dei soluti.

Quali processi regola l'acqua presente nel corpo umano?

L'acqua presente nel corpo umano regola numerosi processi biologici:

  • è il solvente di gas (O2, CO2), di elettroliti, di colloidi che possono così muoversi nell'organismo;
  • trasporta alle cellule le sostanze nutritive ed allontana i prodotti di rifiuto;
  • partecipa ai processi di termoregolazione ed al mantenimento dell'equilibrio termico fra le cellule;
  • costituisce il mezzo in cui avvengono tutte le reazioni digestive e metaboliche;
  • svolge funzione plastica dando turgore alle cellule (si veda: pressione di turgore).

acqua corpo umano

L'assunzione di acqua avviene in massima parte per via esogena (bevande e alimenti), ma per una piccola parte anche per via endogena (dall'ossidazione dei nutrienti l'organismo ricava circa 300 mL di acqua al giorno). L'eliminazione avviene invece con le urine, le feci, il sudore, la respirazione cellulare.

Per un corretto funzionamento dell'organismo, senza che si verifichino problemi di disidratazione o intossicazione da acqua, è necessario mantenere un equilibrio tra assunzione e perdita di acqua; a capo di tale regolazione troviamo vari ormoni (vasopressina o adiuretina, aldosterone, sistema renina-angiotensina, fattore natriuretico atriale), nonchè il centro nervoso posto nell'ipotalamo denominato centro della sete.

Normalmente, al fine di preservare l'equilibrio idrico, la quantità di acqua di cui un uomo adulto necessita è di circa 2,5 L (ossia 1 mL/Kcal introdotta oppure 30-35 mL/Kg di peso) ed è così ripartita:

  • 1500 ml come bevande
  • 300 ml come acqua di ossidazione
  • 700 ml dai cibi solidi

* Il plasma è il componente liquido, incolore e trasparente del sangue dei vertebrati; contiene ioni, molecole e proteine plasmatiche disciolte. In definitiva: "il sangue senza le cellule sanguigne".

Studia con noi